SARONNO – E’ stata indetta per stamattina alle 11 all’ex bocciodromo di via Piave la prima conferenza stampa della sezione cittadina del Movimento 5 stelle.

Il tema è la presentazione della lista che concorrerà alla prossima tornata elettorale di maggio e del candidato sindaco. Nomi che arrivano dopo un lungo percorso condiviso tra gli attisti che sono impegnati a Saronno ormai da alcuni anni. Oltre a riunione periodiche Movimento cinque stelle ha organizzato anche una serie di banchetti nel centro storico per ascoltare le istanze dei saronnesi.

All’incontro parteciperanno il consigliere regionale Gianmarco Corbetta, l ‘europarlamentare Marco Valli, introdurranno Andrea Borgatti (candidato alle ultime regionali) e Roberto Strada.

Con quello del Movimento 5 stelle la lista dei candidati per la carica di primo cittadino arriva a 4: hanno già annunciato l’intenzione di scendere in campo Luciano Silighini Garagnani (L’Italia che verrà), Federico Russo (Forza Nuova) e Franco Casali (Tu@Saronno).

Devono ancora sciogliere la riserva: Francesco Licata, scelto dal Pd, e Pierluigi Gilli indicato dalla coalizione di centrodestra.

11 COMMENTI

  1. Oh!
    Mica male, qualcosa si muove a Saronno allora…
    Molto interessante questa candidatura, aspetteremo il programma del M5S e il CV del candidato sindaco, visto che si è parlato tanto di trasparenza… spero non deludiate queste prime richieste!

    • Perché, secondo lei non state facendo politica? Con tutto il rispetto per Strada (del quale rispetto, anche se non condivido in gran parte le idee) che conosco da anni, col quale ho avuto divergenze da politicante a politicante, ma sempre in modo civile e “cameratesco” e frequenti momenti di “convergenza politica” e che compare sul palco, è forse un nome nuovo? Secondo lei, cos’è l’antipolitica tanto sbandierata da M5S? Se Strada dai verdi si ricicla in M5S non fa forse un’azione da politicante, ovvero da persona che agisce nell’ambito della politica? Perché, se ho ben capito, politicante deve essere un termine dispregiativo? Alla politica, secondo alcuni, esisterebbe come unica alternativa l’anarchia, ma è sempre una visione politca, ovvero della “polis”, la città, il consorzio umano. M5S è di fatto un partito, come tutti gli altri, solo con modalità espressive lievente diverse, ma estremamente simile, per modi e contenuti, dal Fronte dell’Uomo Qualunque, fondato nel 1944 dal commediografo e giornalista Guglielmo Giannini. Guardi come è finito.

      • Dalla treccani:
        POLITICANTE s. m. e f. [der. di politica, con suff. participiale]. – Chi svolge attività politica con scarsa competenza, per lo più con mire ambiziose e per trarne vantaggi personali.

        M5S NON è un partito come gli altri e si propone di sciogliersi quando avrà cambiato questa attuale politica rendendola trasparente, pulita, ci sarà la democrazia diretta ed i cittadini saranno portati a votare (anche con le nuove tecnologie, WEB, per risparmiare ed avere l’immediatezza dei risultati) tutte le volte che ci sarà qualcosa di importante (esempio Euro Si/No, TAV Si/No, Pedemontana Si/No, Reato immigrazione clandestina Si/No, etc. etc.).
        Inoltre propone solo candidati capaci, con certificato penale pulito e che al massimo saranno eletti per due mandati, non di più evitando di avere i cosiddetti “professionisti” che poi saranno riciclati in qualche CDA di aziende parastatali o partecipate.
        Sicuramente già ora anche gli altri partiti tradizionali tentano, e ci fa molto piacere, di copiarci molte idee, ma quando si arriva al sodo non cambiano mai i loro atteggiamenti egemonici.
        Non siamo contro i Partiti, siamo contro QUESTI partiti, in particolare PDL (attuale FI) e PDL-L (PD) che negli ultimi 20 anni hanno fatto molto peggio (economicamente e di ideali) di tutti quelli prima di loro dal ’45 al ’92 (travolti da tangentopoli, ma ancora con un briciolo di amor patrio e di consapevolezza della questione morale).
        Fate voi.

        • La definizione della Treccani non è univoca in quanto rileva solo per il signjficato negativo popolare. Etimologicamente è diverso. Bisogna riconoscere che ha scritto cose valide per qualunque soggetto politico: nonsiete contro i partiti in genere, ma solo con quelli elencati, cioè contro quelli di idee diverse dalle vostre? Mi perdoni, ma è un’affermazione di disarmante ovvietà. Tutti i partiti sono contro a quelli di idee diverse. Cosa c’è di nuovo? Anche riprendere tangentopoli non mi sembra un tema nuovo, specialmente se si segue un leader pluricondannato (omicidio colposo, evasione fiscale, diffamazione – peraltro verso una scienzuata premio Nobel). Voto Web? Potrebbe essere interessante, se ci fossero la garanzie necessarie, ma se un buon hacker è in grado di violare il sistema informatico della Casa Bianca , come può pensare che un voto web nkn possa essere manipolato? Ci sarebbe anche da spendere due righe sulla trasparenza del vostro movimento, viste le polemiche interne e le scissioni. Comunque buona fortuna per il futuro, posto che il vostro movimento (CHE LEI HA GIA RICONOSCIUTO PARTITO) ha posto le premesse per sciogliersi mai in quanto ha espresso istanze assolutamente utopistiche. La invito una volta di più a studiare attentamente la storia del Fronre dell’Uomo Qualunque. Buona fortuna per la sua attività politica

  2. Secondo me il M5S, visto che è dell’idea di uscire dall’euro, per poter raggiungere il suo obbiettivo, sia a livello nazionale, che a livello comunale, dovrebbe allearsi con la Lega e Fratelli d’Italia, poi, come giustamente dicono loro, di volta in volta, si decidono le leggi votandole. Altrimenti, non cambierà mai niente.

  3. Pino Insegno sta scherzando vero? Che c’entrano Lega e FdI con m5s? Mi scusi, vedrà che ora ci ripenseranno anche PD e FI sull’euro. Proprio non riuscite a liberarvi degli inciuci!

  4. da Saronno.tv: Ventottenne, ingegnere aerospaziale, una vita fra Saronno e Shanghai… «Secondo noi, non c’è l’emergenza criminalità a Saronno. Sono solo speculazioni mediatiche di alcuni partiti politici …

    Bhe, non so quanto stia a Saronno e quanto a Shanghai, comunque si facesse un giretto attorno alla stazione dopo le 19, viale Santuario dopo le 22, in centro la notte, parli coi commercianti e gli impiegati del Carrefour, chieda alle forze dell’ordine il numero di denunce per furto, scippo ecc. nell’ultimo anno… così, giusto per farsi un’idea della fiorente e sicura cittadina che vorrebbe governare.

Comments are closed.