Sicurezza, Saronno Bene Comune: “Fagioli? Un replicante di Porro”

Fagioli mattarella alfano porroSARONNO – Con un post decisamente sagace firmato Euno la lista civica Saronno Bene Comune sul proprio blog risponde, se pur indirettamente, alla presa di posizione del sindaco Alessandro Fagioli prima e del segretario della Lega Nord Davide Borghi poi in merito all’occupazione e al corteo del centro sociale Telos.

“Il segretario della Lega Nord di Saronno scende in campo a difesa del sindaco, che avrebbe scritto niente meno che al capo dello stato per cacciare il Telos – si legge nel post – Ma che fa il sindaco, copia il suo predecessore? Come strategia per la sicurezza non c’è niente di nuovo. 

E a riprova delle proprie parole viene riportato lo stralcio di una lettera,  datata 8 agosto 2013, scritta dall’allora sindaco di centrosinistra Luciano Porro al ministro dell’interno Alfano:

Ho più volte segnalato alle autorità competenti, sia in occasioni di incontri provinciali, sia locali, che la mia città, probabilmente, per la sua collocazione periferica, rispetto al capoluogo provinciale e alle altre città della provincia, subisce una sorta di “damnatio memoriae”, nelle politiche della sicurezza. E da quando sono in carica, con la correttezza che deve presiedere i rapporti fra rappresentanti delle istituzioni, non ho mai smesso di richiedere maggiore attenzione.  Microcriminalità, spaccio di droga, presenza di accattoni nullafacenti sono in costante aumento; tutti fenomeni che le forze della Polizia Locale non sono certamente in grado di affrontare con efficacia, vista la modestia delle risorse di cui dispongono, ma che necessitano del concorso costante delle forze dell’ordine per essere contrastati.  Nel maggio 2013,  con il nuovo “patto regionale per la sicurezza” , Lei ha assunto la decisione di potenziare gli organici delle forze dell’ordine nel capoluogo regionale. Sarebbe un grave errore, come dimostrano i fatti violenti e l’indice di delittuosità in costante aumento nel territorio regionale, se si dimenticasse di porre attenzione anche alle realtà periferiche. Saronno, per il ruolo della sua stazione, secondo snodo ferroviario, per passaggio di pendolari in Lombardia, sulla tratta Milano – Malpensa, è esposta più di altre località, allo spaccio di stupefacenti e ad essere punto di ritrovo di marginali e sfaccendati…“.

Dura la chiosa: “Caro segretario leghista, ma non eravate proprio voi, poche settimane fa, a rivendicare che era già tutto cambiato in città? Che bisogno c’è, ora, di scomodare le più alte cariche dello stato? “.

12032016

13 Resposte a Sicurezza, Saronno Bene Comune: “Fagioli? Un replicante di Porro”

  1. evvabe

    12/03/2016 a 8:37 am

    Saronno bene comune chi? Quella listarella socialista che ha preso si e no 300 voti? Dove il capacissimo assessore uscente non si e’ neanche candidato? Invece di scrivere sui Social. Mi sarei atteso autocritica, proposte e una ricostruzione del partito non nascondersi dietro pseudo liste civiche.

    • Anonimo

      12/03/2016 a 10:09 am

      lo stupido guarda il dito ma non la luna (antico proverbio cinese)

  2. Anonimo

    12/03/2016 a 8:39 am

    Come non condividere

  3. Anonimo

    12/03/2016 a 10:03 am

    Differenza numero 1.
    Porro ha firmato ordinanza di sgombero di Via don Monza un anno dopo l’occupazione.
    Fagioli ha firmato ordinanza di sgombero da ex centro impiego il giorno stesso.

    • Anonimo

      12/03/2016 a 11:21 am

      infatti è ancora occupata e stasera birra e musica.Per di più in pieno centro con la massima visibilità….c’è da dire che così il centro è finalmente rivitalizzato

      • Anonimo

        12/03/2016 a 3:54 pm

        La Polizia decide “quando” eseguire lo sgombero forzato se gli occupanti non lo fanno spontaneamente.
        Studia l’ABC prima di scrivere a vanvera.

  4. Anonimo

    12/03/2016 a 11:42 am

    Sicurezza, Saronno Bene Comune: “Fagioli? Un replicante di Porro” : ma senti da quale pulpito arriva ora la predica!
    Per questi signori “il bel tacere non fu mai scritto”.

  5. GentileFA

    12/03/2016 a 12:41 pm

    In una delle pochissime interviste rilasciate (l’ultimo sabato del mese) a Radio Orizzonti alla domanda sul problema Telos il sig sindaco Fagioli disse ” ci pensi lei” rivolgendosi all’intervistatore di Radiorizzonti, ripetendolo più volte. Penso che possa essere riascoltata se si è interessati.
    Di certo è aumentata l’insicurezza in generale e sopra tutto sulle strade e il non rispetto del Codice della Strada.
    Poiché è stato messo a punto il drogometro (misura l’assunzione di varie droghe in un minuto) il comune si adoperi ad acquistarne uno per controllare i numerosi drogati.Sanzionando i numerosissimi drogati che abitano nel saronnese, automaticamente sparirà chi smercia.
    Per i Telos la proposta dei piccoli proprietari è sicuramente un modo per risolvere il problema.

  6. Anonimo

    12/03/2016 a 12:41 pm

    Centro impiego proprietà del comune, appena fatta denuncia del comune, partita subito ordinanza di sgombero.
    Lo stesso ha fatto la giunta precedente non appena la proprietà ha sporto denuncia.
    La verità è che il sindaco più di tanto non può fare: Fagioli ha fatto promesse in campagna elettorale che ora non riesce a mantenere, non certo per colpa sua.
    Ma allora non doveva promettere ciò che non è in grado di fare, ci ha presi in giro tutti.

    • A.nonimo

      12/03/2016 a 1:40 pm

      Di sgombero in sgombero si cerca di nascondere la polvere sotto , incapace, anche questa amministrazione che aveva messo il cappello elettorale sulla sicurezza , di maturare un’azione coerente con proposta concreta e definitiva .
      Se non in grado neppure con sostegno dello staff di sistemare la questione .. si DIMETTA, sindaco

    • Anonimo

      12/03/2016 a 3:55 pm

      Una cosa è la denuncia, un’altra l’ordinanza di sgombero.
      Ordinanza che il Sindaco del PD fece dopo 1 ANNO di occupazione.

  7. basta!!!

    12/03/2016 a 6:10 pm

    Passare in pieno pomeriggio e vedere certa gentaglia fuori, muri imbrattati….e nemmeno una forza dell’ordine….e’ UN VERO SCHIFO!

  8. Dario

    13/03/2016 a 5:38 pm

    Basta non pensarci, 4 anni passano in fretta…