SHARE

SARONNO – Il sindaco Lorenzo Guzzetti all’ospedale di Saronno: è l’unico primo cittadino della zona che si è recato personalmente sul posto, era questo pomeriggio alla conferenza stampa indetta dalla direzione dell’Azienda ospedaliera e dall’assessore regionale alla Sanità, Giulio Gallera, per fare il punto della situazione dopo l’arresto del medico del pronto soccorso, Leonardo Cazzaniga, e dell’infermiera Laura Taroni.

arresto-anestetista-dr-cazzaniga-ospedale-di-saronno-2016_11_29-ai-194

“Ho voluto presenziare e l’ho fatto perché penso sia giusto cercare di capire in un momento dentro al quale molti nostri cittadini chiedono, si interrogano, parlano – rileva Guzzetti – Evito commenti sulla performance di Gallera e direzione, voglio però in questa sede dire che non è giusto e sarebbe scorretto gettare la croce su tutti i lavoratori dell’ospedale di Saronno. Soprattutto infermieri, assistenti, inservienti. Non troverete in me il paladino di Saronno, ma è ingiusto generalizzare. Come dappertutto, lì troviamo bravi e cattivi dipendenti. Non si può dire ora “allora son tutti cattivi”. Guardate che il nostro ospedale non è quella clinica degli orrori che magari ora molti di voi credono. E ve lo dice uno che pensa, appunto, che oggi la politica non abbia fatto per nulla bella figura arrampicandosi, insieme ai vari megadirettori e compagnia bella, dietro a un burocratese gravemente insufficiente”.

Prosegue Guzzetti

Ma le tante brave persone che lavorano lì non meritano questo. Affatto. Infine siate orgogliosi dello Stato che, ancora una volta, se da una parte vi ha fatto vedere lo schifo che si può celare dietro la pazzia, l’omertà o un iper individualismo folle, vi sta facendo anche vedere che i carabinieri, i nostri carabinieri, hanno condotto un’indagine strepitosa mettendo sotto cura anche i bambini ventiquattro ore su ventiquattro. Questo Stato vi sta facendo vedere che ci sono anche le infermiere che denunciano senza paura. Di questa Italia non dobbiamo mai dimenticarci.

02122016

23 COMMENTS

  1. Sindaco Guzzetti, continui a zampettare felice nelle vie di Uboldo e lasci perdere cose troppo grandi per lei, l’Ospedale di Saronno, a parte forse due reparti, fa schifo da troppo tempo. Questo è solo l’inizio della catastrofe, si fidi.

  2. Unico veramente apprezzabile.
    Costava niente andare alla conferenza stampa anche solo a titolo d informarsi su quanto accadrà.
    Bravo lorenzo.
    E poi si sa lui ce l ha piu bello…

    L’albero di natale!

    • un sindaco serio per informarsi non va alla conferenza stampa; va direttamente a parlare dai carabinieri, dal
      Procuratore della Repubblica o dal Direttore sanitario, è un sindaco
      va alla conferenza stampa perché ci sono i riflettori

  3. “Non troverete in me il paladino di Saronno”. ma cosa avrà voluto dire? e cosa doveva toccare con mano in ospedale, il sangue sui muri? Anche voi del Saronno fate ridere: “Unico primo cittadino a toccare con mano”. Ma gli altri sindaci hanno da lavorare!

  4. Io ho partorito a Saronno 5 mesi fa e mi hanno seguito per tutta la gravidanza! Ho incontrato sempre e solo persone professionali e disponibili. Grazie a tutti voi per avermi aiutato a far nascere la mia bambina Alice!!! Un grazie particolare all’ostetrica Angela che nonostante avesse finito il turno è rimasta al mio fianco!!! Anche all’anestesista che prima di finire il turno è passato a farmi l’ultima puntura e che mi ha permesso di fare un travaglio sereno cantando in attesa della nostra bambina!!! Grazie ancora 😃

  5. Ennesima “ospitata” offerta da questa redazione al solito Guzzetti. L’ospedale c’entra un tubo!

  6. L’ospedale di Saronno è un pessimo esempio.
    Il PS è uno scandalo.
    Vanno arrestati tt gli omertosi e cacciati tutti i raccomandati.

  7. A DIRE CHE L’OSPEDALE DI SARONNO FA SCHIFO E UN COMMENTO DA IGNORANTE E’ COME DIRE CHE L’ITALIA FA SCHIFO PERCHE DEI SINCOLI POLITICI FANNO SCHIFO.L’OSPEDALE DI SARONNO DEVE ESSERE RISPETTATO TUTTI GLI OSPEDALI ITALIANI DEVONO ESSERE RIPULITI DA PERSONE DISONESTI . COME L’ITALIA DA POLITICI DISONESTI E LADRI E COMPLICI DELLA MAFIA ASSASSINA,

  8. Ringrazio il reparto medicina e difendo a Spada Tratta l operato e la professionalità dei vari dottori che ho conosciuto..sig.ra Restelli dott.Sironi e dott. Somaschini Ottimi Medici al di sopra della media.GIÙ LE MANI DA SARONNO!

  9. Di fronte a politicanti come questo che non perde occasione di farsi pubblicità e di parlare a vanvera, perfino sugli orrori e sulle morti, vorrei esprimere il mio sostegno e incoraggiamento all’Ospedale di Saronno. Esorto i medici e gli infermieri che ogni giorno fanno il loro dovere a non perdere la fiducia in sé stessi e nel loro ospedale. Quell’ospedale ci ha visto nascere, ci ha curati, ha curato i nostri cari. Non sarà un medico criminale, qualche collega omertoso e qualche politicante strillone e presenzialista a farci cambiare idea.

  10. ..mazza che ipocrisia, fino a ieri ha sparato sulla nostra città, niente contributo per il Giudice di Pace, mai detto una parola una a favore dell’Ospedale, c’è stato quindici giorni fa un dibattito pubblico sull’Ospedale e si è fatto vedere (altri sindaci c’erano, signora Giudici un po’ di schiena dritta!; adesso corre alla conferenza stampa a sparare sentenze…..

  11. Unico primo cittadino a toccare con mano ???
    A toccare cosa ???
    Che sforzo sovrumano deve essere stato !!!
    Passerella inutile fatta solo per mettersi in vetrina ed apparire.
    Utile solo ai quattro fedelissimi e ai quattro sempliciotti che lo votano …
    P.S.: non essendo avvezzo ad oltrepassare i confini uboldesi, l’unica difficoltà che avrà avuto sarà stata quella di far ritorno a casa

  12. Purtroppo sapere che la dirigenza era al corrente di questa situazione, cioè del protocollo di questo dottore, dopo i fatti e dopo NON aver denunciato, oggi non li rende piu’ credibili davanti alla gente. IO non mi sento tutelato da una struttura del genere, anche se ho avuto bisogno e dove ho fatto nascera mia figlia. Cambierò ospedale certamente. La professionalità è un altra cosa, questo dottore poteva avere i requisiti per lavorare all’interno della struttura, ma psicologicamente non aveva i requisiti per ricoprire questo ruolo.

  13. Salve,
    ho scritto oggi due commenti a questo articolo.
    Non offensivi, ma evidentemente scomodi.
    Visto che, quando si tirano in ballo politici di una certa parte, vengono puntualmente “scartati” dalla censura di questa redazione.
    Molto più facile pubblicare le banalità sconcertanti di alcuni personaggi a voi vicini e mettere la sordina alle voci non allineate ai potenti di turno.
    Chapeau!

  14. Temino scolastico.
    Frasi fatte.
    Solita fuffa.
    Presenza inutile.
    Il sindaco presenzialista e megalomane che, come sempre, attacca la politica ed il politichese.
    Peccato che lui da più di 10 anni parla la stessa lingua e fa parte dello stesso sistema!
    Arriverà il giorno in cui inizierà a lavorare …

  15. Alla buon’ora, uno dei due commenti è finalmente comparso!
    Se pubblicaste anche l’altro, credetemi, la vostra credibilità ne gioverebbe!
    Riposto per la terza volta … (repetita iuvant!)
    Grazie!

  16. Sig. Luca,
    Non se la prenda, pure io ho postato un commento educato ma ritenuto scomodo in quanto censurato. Avremo mica fatto gli stessi nomi? Bah… c’è chi lavora male anche fuori dagli ospedali, nelle redazioni per esempio….

  17. Martino, apprendo dunque dal suo post di non essere l’unico ad essere stato censurato.
    Ho solo fatto notare, nel commento bannato, che i politici che Guzzetti criticava sono stati messi lì dalla politica. Dagli stessi che hanno sostenuto lui IN OGNI MODO a diventare sindaco. Guzzetti parla a vanvera sapendo bene che lui è frutto della stessa politica.
    Ma fare nomi e cognomi evidentemente non piace a questa Redazione.
    Omertosa come gli infermieri dell’Ospedale che sapevano e non denunciavano.

      • Ma lei sta scherzando? Minaccia di querela un commentatore per avere espresso opinioni anche dure? Il sospetto che lei faccia da megafono a qualche politicante della zona è legittimo e comunque rientra nel campo delle opinioni. Dove ha studiato giornalismo, a Praga 1968?

  18. Siam messi proprio bene!
    Scopro con stupore (e sdegno) che avere memoria storica rischia di essere un reato.
    Il tema vero è che questo atteggiamento omertoso non è nient’altro che lo specchio del paese.
    Da giorni lo sport nazionale è il tiro al piccione nei confronti del nosocomio di Saronno.
    Peccato che anche in questo caso forse (e sottolineo forse) il silenzio di pochi andrà a discapito dei molti che fanno seriamente il proprio mestiere.
    Identicamente al modo di fare giornalismo de “il Saronno” evidentemente in difficoltà quando si sfiorano certi ambienti e persone.
    Comunque grazie per i vostri sforzi nella protezione della nostra incolumità!

  19. Gentile Sara Giudici, la ringrazio per la solerzia con la quale mi ha offerto riparo da eventuali querele.
    Vorrei però tranquillizzarla: il suo scudo protettivo non serve.
    La prossima volta, pubblichi pure i miei post … “eccessivi”. Saranno i lettori e le persone citate a giudicarne contenuti e toni.
    Cordialmente,
    il commentatore incauto.

Comments are closed.