http://www.agenziablitz.com/

VARESE – Quella che va di scena a Varese non è una semplice gara di campionato, è una sfida che va oltre i tre punti in palio: è un derby atteso, sentito e pronto ad esser giocato fino all’ultimo respiro da entrambe le squadre. Saronno deve difendere il primato in classifica maturato con 8 vittorie consecutive, Varese deve trovare ritmo in campionato e non esiste gara migliore di questa per rilanciarsi. L’allenatore saronnese Pierluigi Leidi deve rinunciare a capitan Spairani bloccato da un problema al ginocchio e schiera in avvio Coscione in diagonale a Cafulli, gli schiacciatori Canzanella e Gaggini, al centro Genovese e Buratti, libero Cerbo. Maranesi risponde con Di Noia in regia con l’ex Daolio in diagonale, in banda Lualdi e Castanò, al centro un altro ex Reggiori e Stella, libero Muselli.

Il PalaCus è gremito di tifosi ed i padroni di casa partono forte mettendo subito in crisi la ricezione di Saronno (6-2). Coscione si affida a Canzanella ricucendo il divario (7-5) e Gaggini in attacco firma il -1 (8-7). Un passaggio a vuoto degli amaretti porta Varese avanti 12-8, che continua a spingere al servizio e contrattaccare con efficacia volando sul 16-11 al secondo time-out tecnico. Al rientro dalla sosta Canzanella e compagni decidono che è il momento di cambiare ritmo e grazie ad un muro di Buratti ed a un errore di Lualdi Saronno rientra nel set (17-15). Leidi si gioca la carta Barsi su Genovese e ci azzecca perché arrivano subito due suoi muri (18-17) ed un suo ace che vale l’aggancio a quota 20. Gli amaretti trovano anche il vantaggio grazie ad una finezza del bomber Canzanella (22-23), ma per chiudere il set la capolista deve arrivare ai vantaggi, dove sono due errori di Varese ad essere decisivi: 24-26 sull’attacco out del’ex Daolio ed è 0-1.

Doccia fredda per Varese o botta di adrenalina per Saronno? Sta di fatto che il secondo set è un autentico monologo di Coscione e compagni, che partono subito alla grande sugli attacchi di Cafulli (1-3), sfruttano qualche errore di troppo dei padroni di casa (2-5) ed al primo time out tecnico sono avanti 4-8 sull’attacco di Barsi. La luce si spegne per Varese che non riesce a contenere un Saronno straripante, col punteggio che si fa pesante grazie alle stoccate di Buratti (5-10), gli attacchi di Barsi (6-13) e di Cafulli (7-16) col set di fatto va già in archivio per gli amaretti. Nel finale Maranesi prova a mescolare le carte sul tavolo ma Canzanella e soci non rallentano (9-20 , 9-22) con il muro di Buratti a chiudere il set sul 10-25. I ragazzi di Maranesi non vogliono alzare bandiera bianca senza lottare e nel terzo set l’avvio è in equilibrio con Lualdi che risponde a Barsi (3-3); Canzanella fa la voce grossa e due suoi attacchi valgono il break (3-5) ed un muro a uno di Gaggini su Daolio porta Saronno sul +3 (4-7). Varese reagisce e con pazienza ritrova la parità (11-11) ma è Buratti a muro a riprendersi subito il break di vantaggio (11-13). La regia di Coscione è da applausi e Saronno mette in campo tutta la classe che ha nel sul repertorio: un muro del palleggiatore bianco-azzurro vale il 14-18, Gaggini si esalta prima in attacco (16-19) e poi a muro su Daolio (16-21), un grande Canzanella si guadagna il match point in attacco (18-24) prima della chiusura (18-25).

La nona vittoria consecutiva in campionato manda gli amaretti a festeggiare il Natale da capolista, merito di tre mesi di duro lavoro di un gruppo che fino ad ora non ha dimostrato solo di essere forte, ma anche coeso, determinato e che sa tirare fuori i denti quando si trova in difficoltà.
Dopo le vacanze natalizie si ripartirà col botto: il 7 gennaio i ragazzi di Leidi ospiteranno al PalaDozio i Diavoli Rosa di Brugherio, che inseguono gli amaretti al una lunghezza di distanza occupando il secondo posto in classifica.

Cus Insubria Varese-Pallavolo Saronno 0-3
(24-26 , 10-25 , 18-25)
CUS INSUBRIA VARESE: Di Noia 1, Daolio 7, Reggiori 3, Stella 6, Castanò 8, Lualdi 9, Muselli (L), Leoni, Tescaro, Badalucco, Quaglio n.e. Ravasi, Alluvion, Mantovan. All. Marco Maranesi.
PALLAVOLO SARONNO: Coscione 2, Cafulli 12, Genovese , Buratti 8, Canzanella 14, Gaggini 8, Cerbo (L), Barsi 6 n.e.Marelli, Taliento, Carucci, Spairani, Rossi (L2). Allenatori Leidi, Chiofalo.

18122016