Spaccata da Trilla, ladro subito in manette

SARONNO – Spaccata da Trilla, carabinieri e polizia locale sorprendono il ladro direttamente nel negozio: a finire in cella un tunisino di 23 anni.

Il fatto è accaduto la notte di Capodanno, poco prima dello scoccare del nuovo anno: alle 23.55 le pattuglie di carabinieri e polizia locale, che stavano svolgendo servizi in centro per garantire la sicurezza nel corso della notte di festa, dopo aver notato in frantumi la vetrata del negozio d’abbigliamento di piazza De Gasperi, hanno accerchiato la zona per individuare il colpevole. Il quale era ancora dentro: aveva provato a nascondersi dietro ad uno dei pilastri. E’ stato preso. L’extracomunitario, residente in città con regolare permesso di soggiorno e già con alle spalle precedenti penali, è stato pertanto catturato e perquisito. In tasca aveva numerosi oggetti di piccole dimensioni presi nel punto vendita, oltre a denaro contante trafugato dal registratore di cassa. Dietro la vetrata mandata in frantumi, invece, accantonata per essere portata via è stata rinvenuta molta della merce esposta sugli scaffali. Il nordafricano è stato trasferito in carcere a Busto Arsizio.

(foto archivio)

03012017

16 Resposte a Spaccata da Trilla, ladro subito in manette

  1. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 6:36 am

    Cominciamo Bene!

  2. anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 8:17 am

    Ho capito perché hanno fatto i fuochi d’artificio dappertutto. A Saronno hanno preso un ladro tunisino.

  3. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 8:49 am

    Nordafricano, strano, sarà l’unico caso del 2017.

  4. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 8:59 am

    ESPULSIONE immediata!

  5. non se ne puó piú Rispondi

    03/01/2017 a 9:17 am

    un tunisino? ma dai…non puó essere.

  6. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 9:31 am

    RISORSE shopping-fai-da-te.
    Esproprio proletario?

  7. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 9:53 am

    La domanda sorge spontanea…. ma perchè un extracomunitario con precedenti ha ancora un permesso di soggiorno valido???? Cacciatelo a calci!!!!

  8. Roby Rispondi

    03/01/2017 a 11:08 am

    Non sarebbe il caso di “trasferirlo” a Tunisi??

  9. Anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 11:52 am

    Mi domando quanti di questi commentatori del “cacciatelo a calci” sarebbero disponibili a manifestare davanti alla Prefettura per protestare contro le leggi inique che ci portano a queste situazioni di impunibilità.
    Lo facciamo un bel sondaggio, Sara?

    • Anonimo Rispondi

      03/01/2017 a 8:17 pm

      Non serve piú manifestare. Adesso occorre agire. Respingimenti navali e espulsioni immediate.

  10. jurynet Rispondi

    03/01/2017 a 2:27 pm

    Prossimamente lo vedremo alla guida di un camion?

    • Saronnese D.O.C. Rispondi

      03/01/2017 a 5:25 pm

      tanto a Saronno , come nella maggior parte delle città Italiane , non c’è nessuna barriera anti TIR, per esempio al mercato comunale del mercoledi sarebbe una strage .

  11. Roby Rispondi

    03/01/2017 a 4:03 pm

    Io ci vengo

  12. non se ne puó piú Rispondi

    03/01/2017 a 5:43 pm

    com’é che in questi casi non si leggono commenti di quelle associazioni pro clandestini o del prevosto?

  13. anonimo Rispondi

    03/01/2017 a 10:35 pm

    o cambiamo chi ci governa e le assurde “non-leggi” che partoriscono, o sarà sempre peggio!
    Viva l’Austria e l’Ungheria.

  14. Prosiligo Rispondi

    05/01/2017 a 12:56 pm

    Ci vuole la cura Silighini per Saronno.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.