Lura in secca, Paleardi: “Cosa sta facendo il Comune e il suo delegato Sinelli?”

SARONNO – “Con una temperatura non certo eccezionale il torrente Lura ghiacciato è sintomo di una poca presenza di acqua”.

Inizia così la presa di posizione di Alberto Paleardi, ex membro del cda del Parco Lura ed esponente del Pd cittadino dopo che ieri il corso d’acqua che attraversa Saronno si è presentato, come non accadeva da anni, quasi completamente ghiacciato.

“Questa alterata funzionalità idrica del torrente – ricorda Paleardi soprannominato dall’ex sindaco Luciano Porro Lurologo proprio  per la sua grande dedizione ai problemi del corso d’acqua – ha poi il suo apice in estate con lunghi periodi di secca con la conseguente moria dei pochi pesci sopravvissuti nel torrente”.

Immancabile una chiosa politica: “C’è da chiedersi cosa abbia fatto in questo anno il mio sostituto nel cda del Parco del Lura Matteo Sinelli visto che sull’argomento non ha mai detto nulla non ha fatto mai sapere nulla non è mai dato risposte pubbliche. C’è anche da chiedersi se lui rappresentante di Saronno nell’interno del cda del parco ma in realtà residente a Caronno Pertusella abbia la percezione esatta di quello che avviene all’interno della nostra città per quanto riguarda il Lura ed il suo parco. Comunque la nomina di un leghista “non eletto” alle elezioni comunali di Caronno Pertusella è stata una scelta politica del sindaco Alessandro Fagioli”.

08012016

21 Resposte a Lura in secca, Paleardi: “Cosa sta facendo il Comune e il suo delegato Sinelli?”

  1. Anonimo Rispondi

    08/01/2017 a 9:12 am

    La cosa che più brucia è aver perso la poltrona, tutto il resto è contorno di poco conto.

    • Turk-182 Rispondi

      08/01/2017 a 1:34 pm

      Non commento le vicende personali, ma giudicare lo stato del Lura “contorno di poco conto” ce ne vuole. Un torrente “sparito”.

  2. Anonimo Rispondi

    08/01/2017 a 11:36 am

    Ma Paleardi ha mai partecipato come votabile ad una elezione saronnese?

    • Anonimo Rispondi

      08/01/2017 a 8:59 pm

      Ma va’, non lo mette nessuno in lista.

  3. giovanni Rispondi

    09/01/2017 a 12:20 pm

    La mia soluzione sarebbe quella di fare un condotto che parte dal lago di Como e scarichi tutto nel Lura e così il commentatore sarebbe contento.
    Che paese STRANO!!!!!!!!Non Ci salviamo più.

    • Anonimo Rispondi

      10/01/2017 a 4:18 pm

      Sei un genio, magari hai anche progettato le pompe per portare l’acqua sopra la Camerlata… sei della Lega Nord, vero?

      • Anonimo Rispondi

        11/01/2017 a 7:30 am

        Lei è certamente del PD, non sa nemmeno cogliere l’ironia del commento 🙂

        • Anonimo Rispondi

          12/01/2017 a 2:51 pm

          Lei la chiama ironia, io la chiamo ignoranza, sempre con la i inizia

          • Anonimo

            13/01/2017 a 2:03 pm

            Come puoi pensare che un Komunista abbia dell’ironia. 😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂😂

  4. Anonimo Rispondi

    09/01/2017 a 5:46 pm

    Paleardi chi…… ????

    • giorgio Rispondi

      11/01/2017 a 8:48 am

      quello che faceva le biciclettate che non dimostravano nulla se non la volontà di farsi pubblicità politica

  5. Anonimo Rispondi

    11/01/2017 a 11:42 am

    Il lurologo Paleardi, sommo esperto in materia, dimentica forse che il torrente Lura – correttamente chiamato “la Lura” dai saronnesi DOC – è un corso d’acqua caratterizzato da peculiarità che lo rendono secco in alcuni tratti ed in alcuni periodi dell’anno. Da sempre, da secoli direi.
    Gentilmente, la smetta di buttare in polemica il suo personale livore.
    Per farsene una ragione, gli consiglio alcune semplici letture:
    https://it.wikipedia.org/wiki/Lura_(fiume)
    http://www.parcolura.it/?session=0S986079624YBG85N81HL&syslng=ita&sysmen=4&sysind=5&syssub=0&nvg=1&sysfnt=0

  6. Anonimo Rispondi

    11/01/2017 a 10:39 pm

    Paleardi, smettila con queste polemiche inutili.
    Un torrente, secondo la definizione da Ardito Desio, è un:
    « corso d’acqua permanente o temporaneo, dotato di alta velocità media, di regime variabile e caratterizzato da forti piene e da estreme magre. Il torrente è un organismo idrologico di carattere giovanile che provoca nel suo alveo profonde e continue trasformazioni morfologiche. »
    (Geologia applicata all’ingegneria, Ardito Desio, ed.Hoepli, 1973, pagina 225)

    • Turk-182 Rispondi

      12/01/2017 a 6:22 pm

      Sì certo, ma quella è una definizione teorica, la pratica è ben diversa. Vediamo di non attaccarci a definizioni teoriche pressoché inutili, perché poi quello che poi bisogna fare è verificare sul campo le cose. Peccato che tutti preferiscono guardare da un’altra parte.

      • Anonimo Rispondi

        13/01/2017 a 11:04 am

        La Lura si è sempre seccata e sempre si seccherà.
        Se ne faccia una ragione 🙂

        • Turk-182 Rispondi

          13/01/2017 a 5:24 pm

          A parte che un torrente al massimo “va in secca”, la Lura è sempre andata in secca nei periodi di siccità e ci può stare ma le secche naturali sono contraddistinte da un lento diminuire del deflusso e della portata, cosa che consente anche ai pesci di spostarsi in quanto percepiscono l’abbassamento dell’acqua. Non serve essere scienziati o andare a prendere definizioni teoriche per giustificare tutto, per capire che la secca dell’altro non era affatto naturale in quanto avvenuta in tempi rapidissimi, quando di acqua a monte ce n’era ancora tanta! E tuttora capita. Chiaro ed evidente che l’impermeabilizzazione del substrato è stata compromessa, altrimenti non si spiegherebbe una così scarsa portata a valle ma una buona portata a monte.

          • Anonimo

            13/01/2017 a 9:43 pm

            smettiamola con queste sciocchezze, Paleardi e i suoi sodali mai sono andati a nord di Lomazzo, perché avrebbero scoperto che l’acqua non c’era neppure lì, nel periodo in cui si ululava contro Pedemontana.

            Anzi, ci sono andati a vedere i lavori da loro sponsorizzati delle vasche di laminazione, che probabilmente faranno scivolare qualcosa nelle loro tasche magari in modo indiretto affinché sia invisibile…

  7. Anonimo Rispondi

    12/01/2017 a 2:54 pm

    Il PD non si ferma mai nel dire e nel fare il nulla !!

  8. mah Rispondi

    12/01/2017 a 4:42 pm

    che culo avere tanto tempo libero e anche il lusso di sprecarlo!

  9. Turk-182 Rispondi

    15/01/2017 a 8:59 am

    @Anonimo
    Non sto dando colpe, sto dicendo che non sono state date risposte.
    E per la cronaca, di acqua da Lomazzo in su ce ne’era e c’è sempre stata, Caslino, Cadorago, nessun problema anche a monte del depuratore.
    La secca è avvenuta in maniera troppo repetina.

  10. lanzichenecco Rispondi

    16/01/2017 a 12:05 pm

    la Lura si conserva meglio se congelata
    Alberto, medita !

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.