Cadono calcinacci in classe: il Comune decide di mappare i soffitti

SARONNO – Dopo la caduta di alcuni calcinacci in un’aula il Comune corre ai ripari con un controllo capillare della scuola media Leonardo da vinci.
Con una termocamera ad infrarossi e un investimento di poco meno di 4 mila euro sarà effettuata nelle prossime settimane una mappatura delle condizioni delle solette dell’istituto scolastico di via Pellico dopo che alcuni calcinacci sono caduti dal soffitto della classe 2^E.

L’episodio risale a fine ottobre ed è avvenuto all’interno di uno degli spazi usate quotidianamente dagli studenti. Nessuno dei ragazzi è rimasto ferito ma la direzione dell’istituto scolastico ha subito contattato il Comune.

Dopo aver spostato gli studenti in un’altra aula è stato effetto un sopralluogo che ha accertato che l’incidente era dovuto alla caduta di piccole porzioni di intonaco. La preoccupazione è che il problema non fosse circoscritto solo all’aula e così è stata messa in cantiere un’indagine approfondita su tutta la struttura per realizzare una mappatura della pericolosità del distaccato dei solai.

L’intervento sarà realizzato attraverso l’uso di una termo-camera e la battitura dei solai ad opera di un’azienda specializzata con un investimento di 3.757 euro.

12012017

5 Resposte a Cadono calcinacci in classe: il Comune decide di mappare i soffitti

  1. Annarita

    12/01/2017 a 7:57 am

    Era ora che la Leonardo Da Vinci venisse sistemata! Quando ci andava mia figlia all’ultimo piano erano costretti a tenere giacche giubboni sciarpe e quant’altro! Quando lo feci presente la risposta era che non c’erano fondi per sistemare la scuola! Non solo che non si potevano mettere i doppi infissi… In più hanno chiesto i soldi per ridipingere la scuola! Ma scherziamo! Forse dopo la bufera dell’ospedale anche il comune ad oggi si vuole tutelare e non essere ancora sotto l’occhio del ciclone!

    • ace2

      12/01/2017 a 2:01 pm

      Non verrà sistemata. L’intervento pare che si limiti alla mappatura, quindi vedranno se e dove ci sono punti in cui l’intonaco si potrebbe staccare di nuovo.
      Per sistemare ci vorrà un sacco di soldi. Mancando i fondi rimarrà tutto come ora.

  2. Anonimo

    12/01/2017 a 8:04 am

    Caspita e la notizia appare solo ora dal mese di ottobre? Ma Lonardoni cosa sta facendo …per il bene di Saronno?

  3. Francesca

    12/01/2017 a 10:51 am

    Peccato che ora la classe sia stata spostata in un vecchio archivio il quale è troppo piccola per ospitare quasi 30 alunni

  4. Anonimo

    12/01/2017 a 2:00 pm

    Spesa, non investimento….