SARONNO – Un anno fa con una delle operazioni che passeranno alla storia di Saronno venivano demolite le Farfalle, i tre palazzi tra via Torricelli e via Fratelli Cervi per tanto tempo cuore del quartiere Matteotti. A distanza di 12 mesi le operazioni di demolizione e rimozione della macerie sono finite e si prosegue con l’iter amministrativo per la realizzazione dei nuovi tre palazzi.

Il complesso Le Farfalle è stato demolito con una serie di microcariche di dinamite differite di qualche secondo l’uno dall’altra. L’operazione, che ha visto la demolizione del primo stabile il 15 marzo e in un unica giornata il 18 marzo la demolizione degli altri due, ha tenuto con il fiato sospeso l’intera città, che anzi si è fermata per assistere all’intervento. La società che ha realizzato la demolizione, sotto la guida di mister dinamite Danilo Coppe ha infatti realizzato una meticolosa preparazione per ridurre al minimo tutti gli inconvenienti dal sollevamento della polvere ai possibili rischi per gli stabili vicini.

L’operazione è stata realizzata nell’ambito del contratto di quartiere che, in corso dal 2002, prevede un investimento ad opera di Aler, Regione e Comune di oltre 22 milioni di euro.

L’abbattimento della Farfalle, tre palazzi da 72 appartamenti complessivi è stato realizzato in tre giorni a partire dal 15 marzo e prima dell’estate le macerie erano state completamente rimosse. Anzi alcune di queste, una volta differenziati tutti i materiali recuperabili e sminuzzate, sono diventate la base per la pista ciclabile che costeggia il torrente Lura via Morandi e viale Lombardia.

Ora Comune e Aler sono all’opera per la rinascita delle palazzine. Nell’ultima seduta del consiglio comunale del 2016 sono state approvate le modifiche al progetto urbanistico per la realizzazione dei tre nuovi stabili. In sostanza saranno ricostruite le prime due palazzine nella stessa posizione, ciascuna con 36 appartamenti, mentre la terza sarà spostata più a nord. La soluzione consentirà di avere mille metri quadrati a verde in più.

17032017

2 COMMENTI

Comments are closed.