FBc Saronno – Pavia: videocronaca di tensioni e manganellate

SARONNO – E’ stato un pomeriggio di tensione al centro sportivo Sporting di Cesate per la partita tra Fbc Saronno e Pavia tifoserie divise da una storica rivalità e tra le quale già all’andata c’erano state scintille.

Il clima caldo è stato subito evidente dall’arrivo del pullman dei tifosi del Pavia. Cori e sfottò tra gli ospiti e il Fronte Ribelle, ultra dell’Fbc Saronno, separati da un cordone di carabinieri.

Separazione tra le due tifoserie che non ha funzionato nel migliore dei modi già al momento di fare i biglietti, quando gli ultras saronnesi si sono avvicinati all’ingresso mentre questo era ancora completamente occupato dai tifosi pavese. Anche qui sfotto e qualche tentativo di superare i militari che sono riusciti a tenere divise le due tifoserie.

La criticità principale si è registrata dopo aver fatto posizionare i tifosi ospiti sulla prima tribuna scoperta. Una decisione che ha costretto le forze dell’ordine a far passare i tifosi del Saronno accanto a quelli del Pavia. Nonostante prima di far entrare il Fronte ribelle si sia atteso una quindicina di minuti il passaggio è stato decisamente teso.

A fatica i militari hanno tenuto separati i tifosi ed è anche partita una carica con maganellate verso i pavesi. Non si sono registrati feriti anche se la tensione è rimasta alta con le forze dell’ordine costrette ad interventire in diverse occasioni per tenere separati i tifosi in tribuna nel corso della partita.

Al termine dell’incontro finito 0-0 sono stati fatti uscire prima i tifosi pavesi, scortati al pullman e poi da due pattuglie fino all’uscita dal territorio comunale.