SARONNO – Appena i vigili gli hanno chiesto di esibire i documenti ha iniziato a dare in escandescenza arrivando persino a colpirli.

E’ quanto accaduto giovedì pomeriggio in piazza Saragat dove la polizia locale ha realizzato un controllo sui alcuni stranieri presenti nell’area di sosta utilizzata da chi si deve recare all’ospedale.

Impegnati in un controllo i vigili sono avvicinati ad un senegalese trentenne che davanti alla richiesta di esibire i documenti ha iniziato ad urlare ed ad inveire contro gli agenti.

Dalle parole è presto passato alle mani con lo straniero che ha tentato di colpire con pugni e spintoni i tutori dell’ordine. Ha continuato per qualche minuto fino a quando non sono riusciti a bloccarlo. Una volta calmato l’hanno portato in comando.

Qui è risultato essere in possesso solo di un permesso di soggiorno scaduto nel 2012 e così è stato denunciato perchè presente irregolarmente sul territorio nazionale. Dovrà comparire davanti all’autorità giudiziaria anche per rispondere dell’accusa di resistenza a pubblico ufficiale.

20032017

18 COMMENTI

  1. Ahh …birbaccione, per cosí poco, chissá cosa gli faranno?
    Dai su, chiedi scusa e siamo a posto cosí….

    • Ma un giudice ha sentenziato che chiamarlo cosí NON si puó perchè lede la sua dignitá personale: IRREGOLARE, chiamiamolo cosí per buona pace di tutti, tanto che differenza potrá mai fare, anche se è da 5 anni senza permesso di soggiorno!
      Saluti.

  2. ma chi diceva che non sono pericolosi i parcheggiatori abusivi di piazza saragat cosa dice ora ?

  3. Purtroppo qualcuno ha favorito l’immigrazione e continua a favorla riempiendo l’Italia di personaggi come quello dell’articolo , non è mai troppo tardi per rimediare , ma ancora purtroppo sembra che non si stia facendo gran che per questi problemi

  4. E’ chiaro ormai da tempo, che costoro non temono nulla.
    Non solo risiedono in Italia senza permesso da anni, usufruendo di ospedali, cure e case gratuite, corsie preferenziali e avvocati volontari che li difendono e consigliano; adesso siamo passati alla fase in cui non ci si deve permettere nemmeno di chiedere loro i documenti, sapendo bene che non rischiano niente.
    Siamo alla frutta cari compatrioti e voglio vedere chi ha il coraggio di dire il contrario.

    • Quoto tutto quello che hai scritto. Sul compatriota peró avrei quacosa da dire: non siamo poi cosí tutti COMPATRIOTI, c’è anche chi li “accoglie” perchè sono fonte di guadagno. Io personalmente sono per rimandarli tutti da dove sono stati prelevati, tanto qui non servono, sono improduttivi e un costo sociale che non ci possiamo piú permettere.

  5. anche alla villa gianetti sulla destra dell entrata ogni giorno si puo assistere al degrado continuo di certa gentaglia.bivacano fumano gridano e ti guardano minaciosamente di li passano mamma con bimbi che vanno al parco giochi poi non e una villa storica cosa aspettano a mandarli via?fagioli svegliatiiiii derva gli occc.

  6. Arrivano ad aggredire perfino le forze dell’ordine, quindi via tutti da casa nostra!!

  7. si può invitare a occupare uno stabile a qualche gruppo di skin? Almeno cosi …. un poco di paura la hanno…

  8. come si permettono i vigili di chiedere i documenti a sua eccellenza???? che è qui per pagarci le pensioni a noi poveracci italiani e a portare la cultura…..pure i documenti vogliono…..vigili cattivoni xenofobi razzisti e populisti….
    Rendetevi conto.

  9. povera risorsa se non voleva mostrare i documenti…magari non ha capito la domanda….mandiamolo a scuola…a spese degli itaglianiii.

Comments are closed.