CARONNO PERTUSELLA – Il presidente del Saronno, Piero Bonetti, aveva chiesto innanzitutto una gara spettacolare ed è stato accontentato: le “sue” saronnesi hanno vinto in trasferta, nelle partite di sabato pomeriggio e sera, il derby contro la Rheavendors Caronno; il diamante di Bariola si è riempito di pubblico e si sono viste tantissime battute. Anche qualche errore evitabile, per la verità ma in questa fase della stagione ci può stare.

In gara 1 un avvio equilibrato, con le caronnesi del manager Argenis Blanco in vantaggio al primo inning, poi un crescendo del Saronno che alla seconda ripresa ha aggiunto due punti a quello realizzato in apertura e poi ne ha fatti ancora tre alla quinta, ne ha subito uno alla sesta e realizzati due alla settima. Insomma, finale un rotondo 8-3. La Rhea ha patito l’assenza della lanciatrice straniera, Karla Claudio di Puerto Rico, ancora indisponibile ma molto bene ha fatto la lanciatrice di partenza del Saronno, Alice Nicolini, che ha giocato cinque inning realizzando 7 strike out senza subire basi ball.

In gara 2 ancora tantissime battute valide e finale di 11-3 per il Saronno del tecnico Larry Castro, con Caronno a pagare il turn over sul monte di lancio. I parziali: 1-0, 0-0, 0-1, 1-2, 0-3, 1-5, rendono l’idea dell’evolversi del confronto. Altri risultati: Legnano-Nuoro 15-3, 13-1; Collecchio-Bollate (giocata il 22 aprile) 0-1, 0-7. Classifica: Saronno, Legnano e Bollate 1000, Rheavendors Caronno, Banco di Sardegna Nuoro e Collecchio 0.

(foto: alcune fasi del match)

30042017