Inquinamento… aggiuntivo: la bonifica ex Cantoni slitta di un anno

SARONNO – Ex Cantoni, la fine della bonifica slitta di dodici mesi. Si dovrà dunque attendere la metà del 2018, d’altra parte ci si è trovati di fronte ad un intoppo inatteso, ovvero una ulteriore aree da “ripulire”, e per farlo bisogna demolire l’ex centrale elettrica interna al vecchio stabilimento tessile, dove c’è dell’amianto, che a sua volta va dunque rimosso con tutte le cautele del caso. Al riguardo, dunque, la richiesta di una proroga da parte dei privati proprietari dell’area, accolta dal Comune. E c’è già stato il disco verde sia dall’Arpa, Agenzia regionale per l’ambiente, e della Provincia di Varese, gli altri enti interessati.

“La bonifica dell’ex Cantoni in modo tempestivo ed efficace è una priorità per la nostra Amministrazione e ancora una volta il monitoraggio costante di quanto realizzato dalla società impegnata nell’intervento e la rapidità con cui gli uffici hanno risposto a quanto riscontrato in fase di collaudo di parte dimostra il nostro impegno – fa notare l’assessore municipale all’Ambiente, Gianpietro Guaglianone – Si tratta di un intervento importante per l’area ma anche per l’intera città da cui la necessità di agire tempestivamente ma con rigore e attenzione. Per questo abbiamo, sentiti gli altri enti coinvolti, concesso la proroga che è l’unico modo per avere una bonifica dei terreni definitiva e completa. Definito l’iter abbiamo subito informato la città, perchè siamo consapevoli dell’attenzione che i cittadini e i residenti di questa parte di Saronno hanno per questi interventi”. Concetti ribaditi anche da Carlo Pescatorio, presidente della commissione comunale per l’ambiente:”Questo approfondimento di bonifica sui terreni dimostra l’attenzione di questa Amministrazione e degli enti di controllo all’evolversi del risanamento di un’area così importante per Saronno”.

19052017

6 Resposte a Inquinamento… aggiuntivo: la bonifica ex Cantoni slitta di un anno

  1. Anonimo Rispondi

    19/05/2017 a 1:28 pm

    Scoprire la presenza di nuovo amianto nella Cantoni è stato come ….scoprire l’uovo di Colombo!

  2. Anonimo Rispondi

    19/05/2017 a 1:36 pm

    Commissione inutile…

  3. Anonimo Rispondi

    19/05/2017 a 2:00 pm

    A quando la bonifica della falda? Quanti solventi ancora al pozzo Parini?

  4. Doma vunch Rispondi

    19/05/2017 a 5:09 pm

    Colpa di Renzi.

  5. Anonimo Rispondi

    19/05/2017 a 5:13 pm

    E meno male che la bonifica è tempestiva, di proroga in proroga passano gli anni e noi respiriamo amianto e beviamo schifezze…

  6. E ma leggere no? Rispondi

    20/05/2017 a 7:42 am

    C’è scritto che devono abbattere un edificio e togliere relativo amiato non che han trovato l’amianto….

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.