SARONNO – Più sicurezza, rallentando le auto e creando percorsi protetti per gli utenti deboli, alla rotonda tra via Don Volpi e via Don Bellavita. L’intervento è in programma per i prossimi mesi anzi il cantiere dovrebbe partire a fine estate.

L’annuncio arriva dall’assessore ai Lavori pubblici, Dario Lonardoni: “Bisogna sottolineare che è un percorso iniziato dai nostri predecessori in Comune – chiarisce l’esponente della Giunta del sindaco Alessandro Fagioli – anche se non ci siamo limitati a concretizzarlo ma ci abbiamo anche messo mano in una ottica ulteriormente migliorativa, proprio sul tema della sicurezza stradale, che ci sta particolarmente a cuore”.
Nel dettaglio l’intervento avrà un costo di 200 mila euro: di cui 100 sostenuti dal Comune e altrettanti dalla Regione. Si prevede un completo rifacimento di tutta la zona della rotatoria, che sarà completamente rivista in modo da costringere i veicoli a ridurre la velocità di transito. Non solo: saranno realizzati anche percorsi “protetti” per l’utenza debole soprattutto pedoni e ciclisti.

Un intervento di grossa portata che arriva dopo un momento di studio realizzato dal settore dei Lavori Pubblici come spiega l’assessore Lonardoni: “Questo cantiere rientra fra i molti interventi che intendiamo eseguire nei prossimi mesi nelle aree di Saronno che appaiono più a rischio per automobilisti, motociclisti, ciclisti e pedoni. Una serie di “aggiustamenti” che sono stati frutto di una approfondita analisi della situazione che si registra sul territorio, fra centro e periferia”.

(foto archivio: un incidente alla rotonda che sarà rinnovata)

16072017

11 COMMENTI

  1. Ovvio che i lavori inizino a fine estate… non vorrai mica farli d’estate quando non rompi le scatole a nessuno!!! Iniziamoli a settembre quando riaprono le scuole così stracciamo le pa**e al mondo intero!!!

  2. l’unico intervento che si vede in tutta la città, e pure ereditato dalla precedente giunta: vorrei sapere quali sono i miglioramenti che l’ufficio tecnico ha aggiunto, visto che li avrebbe dovuti considerare anche nel progetto originale.

    Intanto il dirigente ha preso un lauto premio…

  3. 100 metri più ad ovest ci sono due incroci pericolosissimi Volta/Bellavita e S.Giuseppe/S.Francesco: qui non avete previsto nulla?

    • …..ma per l’appunto!!!
      Caro assessore venga a vedere come è conciato l’incrocio tra via Volta/Bellavita/S.Francesco: un disabile come mai potrebbe attraversare la strada con i marciapiedi in questo stato?
      Senza poi considerare la velocità pazzesca con cui sfrecciano le autovetture e i camion sulla via Bellavita: non è il caso di mettere dei rialzi per contenere la velocità e portare il limite a 30km/h sulla via Bellavita, nell’avvicinarsi ai due incroci semaforizzati già teatro di incidenti stradali di una certa gravità?
      Che dire poi della segnaletica orizzontale degli stalli per disabili sulla via Volta all’altezza dell’incrocio con via Bellavita: non è forse il caso di metterli a norma del codice della strada con un po di vernice gialla e il simbolo della carrozzina a fondo blu, così gli avventori del bar e della pizzeria magari qualche scrupolo in più se lo metterebbero prima di occuparli indebitamente?
      Pensare di rivedere la viabilità della zona con due sensi unici tra via Volta e via Sangiuseppe al fine di non sovraccaricare gli incroci semaforizzati, penso non sia un costo così eccessivo, bastano quattro cartelli e ….un po’ di buona volontà!

  4. Ma come si fanno a spendere 200.000 Euro per rifare una rotonda che va già bene così? Ci sono anche i rialzi e gli attraversamenti sia pedonali cheper la pista ciclabile. Piuttosto un Autovelox fisso tarato su 50Km/h che avrebbe rimpinguato le casse comunali. Così è buttare i pochi preziosi soldi dei cittadini Saronnesi.

    • no dai, ci diranno che metà sono della Regione, come se non fossero nostri….

      Se uno andasse a vedere poi bretelle, bretelline, rotonde e rotondine spacciate utili per smaltire il traffico probabilmente si incavolerebbe.

      Ps: autovelox con questa amministrazione non è possibile, i limiti di velocità sono visti come una costrizione alle libertà personali

  5. doveva essere quello che portava la gestione “privata” nel comune e invece sì e’ statalizzato …. lavori a settembre che ad agosto ci sono le ferie

  6. Caro assessore, faccia un giro anche in zona piscina….e dintorni….li non è il caso di intervenire?? Tutto in regola vero? È vergognoso!!!!

  7. Ma a noi saronnesi ci piace proprio buttare via i soldi? per rifare lo stesso lavoro già fatto pochi anni fa dal nostro comunistello?

  8. Magari con l’occasione rimuoveranno anche il paletto metallico (DIAMETRO UNA DECINA DI CM, NON PROPRIO INVISIBILE) abbattuto in via Trento , segnalato ormai mesi fa in comune. Abbandonata ogni speranza di riposizionamento , ci si augura almeno una rimozione. Altrimenti il primo giorno di ferie che riesco a prendere lo porto in comune sulla scrivania dell’assessore ai lavori pubblici (ma devo capire se ci sono i lavori pubblici).

Comments are closed.