SARONNO – Cisl, Cgil, Uil e Conapo proclamano lo stato di agitazione sindacale per i Vigili del Fuoco della provincia. Le problematiche sono quelle già esposte e riscontrate in una precedente comunicazione del 12 luglio e non ancora risolte, comunicazione in cui venivano denunciate ed evidenziate situazioni che ormai compromettono la garanzia del soccorso. Tutto ciò a causa del notevole abbassamento delle risorse umane dovute ai trasferimenti a vario titolo. «Le mobilità nazionali avvenute di recente e quelle prossime a venire, non hanno compensato e non compenseranno minimamente le carenze» – si legge nel comunicato delle sigle sindacali del settore. «Le risorse economiche attualmente assegnate al personale non sono soddisfacenti per la copertura di maggiore straordinario atto a mitigare le carenze ormai croniche dei Capi Squadra e autisti. La totale assenza (come già più volte segnalato) dei corsi di retraining del T.P.S.S. (Tecniche Primo Soccorso Sanitario). Per finire, la mancanza di fondi da utilizzarsi per la sistemazione dei mezzi di soccorso ormai al collasso, la vetustà dei veicoli e la non ultimazione delle procedure atte all’acquisizione a titolo gratuito dalla Provincia di Varese dell’imbarcazione da soccorso». Tutte ragioni per le quali viene proclamato lo stato di agitazione.

03082017

3 COMMENTI

  1. Hanno ragione,sottopagati,sfruttati e costretti a girare per la lombardia per coprire i turni…

Comments are closed.