ORIGGIO- Il nuovo parco dell’infanzia in via Piantanida pronto per agosto. Ma le polemiche della minoranza non cessano.

La Civica di Origgio ha infatti contestato i ritardi nell’ultimo Consiglio comunale. E il problema sembra essere lo stesso che aveva interessato il Parco Borletti, dove erano stati tolti i giochi nella prospettiva di realizzare l’altro parco. Ma tale parco non è stato ultimato nei tempi previsti, tant’è che ci sono molte lamentele di cui si è fatta portavoce la forza di minoranza attraverso un’interrogazione.

Alle lamentele ha risposto l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Azzalin: “I lavori sono stati assegnati il 4 aprile, mentre la fornitura dei giochi è stata bandita a fine mese e assegnata a maggio. Poi, però, si è verificato un problema col coordinamento della sicurezza, che ha creato ritardi”. Pare che, però, “il cantiere al parco è in una buona fase di avanzamento, tanto che prevediamo di ultimare le opere edili e i giochi entro luglio e di renderlo fruibile in agosto”.

Evasio Regnicoli ha comunque consigliato di non sbilanciarsi più con date e promesse: “La realtà è che le famiglie rimarranno senza giochi un’altra estate”. Domenico Ambrosini, capogruppo di Origgio Democratica, ha invece evidenziato l’assenza di tempistica: “Dalla documentazione emerge che la durata dell’intervento sarebbe stata di 60 giorni, ma senza indicare né data d’inizio né data di fine”.

(foto archivio)

06082017