CISLAGO- “Diteglielo a quelli dell’ex Amministrazione Biscella che ho inaugurato la collezione dell’artista Giannetto Bravi con la fascia tricolore”. L’indiscrezione è di qualche giorno fa e riguarda una possibile frase detta dal sindaco Gian Luigi Cartabia

Ha suscitato, infatti, scalpore l’interrogazione presentata da ViviCislago in Consiglio comunale. Qui era stato messo sotto accusa il primo cittadino che farebbe un uso “troppo allegro” della fascia, indossandola in ogni evento, in ogni circostanza, anche quando non è strettamente necessario.

E non importa nemmeno il partito di appartenenza. “Se fosse stato di qualunque altro schieramento politico, avremmo presentato lo stesso questa interrogazione”, assicura il consigliere Romina Codignoni.

In ogni caso ViviCislago ha espresso il proprio rammarico, sperando in una maggiore responsabilità nell’uso di questo simbolo dello Stato. Ma Cartabia ha risposto per le rime: “Se presenzio agli eventi con la fascia è perché ritengo sia opportuno rappresentare il Comune in quanto istituzione e come sindaco di tutti, non certo per fare politica”.

10082017

3 COMMENTI

  1. La fascia identifica il Sindaco, ma non è la fascia a rappresentare il Comune.
    Il Comune è rappresentato dal Sindaco democraticamente eletto dai cittadini che in ogni occasione rappresenta tutti.
    La fascia è obbligatoria in alcune occasioni: matrimoni, feste nazionali, alla presenza di figure istituzionali di un certo livello.
    Per il resto vige una circolare che invita a non abusare dell’uso della fascia.
    Inaugurare una mostra d’arte con la fascia può essere considerato un eccesso?

  2. Certo che la fascia va usata per le occasioni ufficiali, ci mancherebbe. (compresa la mostra d’arte ovviamente)
    Cartabia vuole fare chiaramente una battuta ironica, l’interrogazione si riferiva invece ad altri episodi in cui il Sindaco partecipava all’evento come semplice cittadino e per il quale la fascia non era necessaria.
    Qualche esempio è stato fatto durante il Consiglio Comunale durante il dibattito.

Comments are closed.