Home Cislago Cislago: si dimette il vicesindaco Lista: “Amministratori alle prime armi”

Cislago: si dimette il vicesindaco Lista: “Amministratori alle prime armi”

396
0

CISLAGO – “Comunico la mia volontà di uscire dalla giunta comunale rassegnando le irrevocabili dimissioni da assessore”. Inizia così la missiva protocollata ieri mattina dal vicesindaco Luciano Lista che lascia il proprio incarico. Non è stato un fulmine a ciel sereno visto che i contrasti negli ultimi mesi non erano mancati.

Non a caso nella propria missiva Lista che esordisce con i provvedimenti presi nel suo mandato (aver introdotto Il Baratto Amministrativo, armonizzato la Tari con attenzione alle famiglie svantaggiate che hanno all’interno del proprio nucleo familiare almeno un disabile, dopo aver presentato il bilancio di previsione 2017 ricco di opportunità per i cislaghesi, aver introdotto un sistema che prevede, in modo del tutto gratuito per i cittadini, la pulizia delle strade e il loro ripristino a seguito di incidente stradale, aver sostenuto e ottenuto l’inversione del senso unico di via Volta, liberando decine di famiglie dalla trappola
creata dalle code sulla Varesina che impedivano loro di uscire, aver sostenuto e assicurato la pianificazione utile alla realizzazione della rotonda dell’incrocio semaforizzato, aver introdotto la convenzione con l’Agenzia delle Entrate di Varese per la repressione di alcuni illeciti su segnalazione dell’ufficio tecnico comunale, aver avviato Il Piano Urbano del Traffico che sarà terminato entro dicembre 2017) stila anche un elenco delle motivazioni per cui ha scelto di dimettersi che comprendono scelte non condivise prese dall’Amministrazione comunale, una cattiva gestione del consiglio comunale e il malessere dei dipendenti comunali.

“Ho aver acquisito la consapevolezza di essermi trovato tra amministratori alle prime armi – continua – da cui sono lontano sotto il profilo amministrativo, ma anche culturalmente e umanamente, cosa che non solo mi ha fortemente deluso, ma mi ha anche demotivato”.

Lista comunque resterà in consiglio comunale: “Non rinuncerò alla carica di consigliere, perché il patto con gli elettori è la cosa a cui tengo di più. Sarà proprio dai banchi del consiglio comunale che porterò la loro voce e sosterrò le loro istanze”.