UBOLDO – Al via con un appuntamento con l’Associazione dei senegalesi la Festa del paese di Uboldo, giovedì sera.”Prima di andare in Giunta abbiamo aperto la Festa con gli amici del Senegal – conferma il sindaco Lorenzo Guzzetti – Sono contento che inizi così la nostra festa perché è segno di un’apertura, di uno sguardo di incontro tra culture”.

Come ho detto poco fa non dimenticherò mai che queste persone sono le uniche che l’anno scorso durante la protesta dei profughi sono venute a dirmi “ti aiutiamo noi, ti diamo noi una mano” mentre gli italiani, anche i più accaniti leoni da tastiera, stavano solo a guardare. Sono contento che inizi così la Festa del paese perché ora anche per loro inizia una grande sfida: entrare nel tessuto della nostra comunità, conoscere la nostra cultura, le nostre tradizioni. Perché la sfida interculturale o è bilaterale o non è.

(foto: uno dei momento dell’incontro con la comunità senegalese)

14092017

1 COMMENTO

  1. E cosa avrebbero fatto i senegalesi per aiutare il sindaco? Io la sera delle proteste ho visto 5 auto dei Carabinieri, un paio della Polizia, la protezione civile, ambulanza e operai del comune al seguito per mettere le transenne.
    Oltretutto come li distingueva da quelli che protestavano, avevano il giubbotto catarinfrangente forse?

Comments are closed.