GERENZANO- Ciclabile in Varesina: il gruppo “Per il Granducato” evidenzia le criticità dell’opera.

“Percorsi i primi 50 metri ci si imbatte in un pericolosissimo palo della luce, posizionato quasi centralmente alla pista, e come se non bastasse attorniato da delle bellissime buche posizionate a modo di trincee pronte ad arpionare i cerchi della bicicletta dell’ignaro ciclista”, commentano dal gruppo.

E non è tutto perchè ad essere sotto accusa anche l’asfalto e il passaggio che permette di passare al lato opposto del sottopasso: “Si tratta del collegamento che porta sotto al ponte dell’autostrada,  e che equivale più o meno alla roulette russa. Difatti per le autovetture che percorrono il sottopasso e quasi impossibile riuscire ad individuare gli eventuali ciclisti
che si apprestano ad attraversare”, continuano.

Un progetto che sembra non essere piaciuto al gruppo “Per il Granducato”: “Sembra di essere tornati indietro di 30 anni quando i nostri amministratori preferivano fare lavori in fretta e furia, senza curarsi della qualità dei progetti, pur di apparire come fautori di grandi opere. Il Granducato si dice preoccupato di questa gestione pressapochista. Gestione che pur di apparire non tiene assolutamente in conto la sicurezza della cittadinanza.

 

3 COMMENTI

  1. Che ci siano criticità è vero, del resto oltre alla strada, ad esempio c’è l’usita del centro commerciale. Ma prima di criticare aspetterei la conclusione dei lavori.

  2. Scusa, ma non sarebbe stato meglio prima mettere in sicurezza la strada e poi aprirla al passaggio?

    • Da utente che ogni tanto ci passa in mountain bike, direi di no, o meglio il tratto di ciclabile aiuta molto a percorrere quel pezzo. Avrei probabilmente imposto dei dossi in uscita dal centro commerciale (Santino) in modo da costringere chi esce a rallentare molto e quindi vedere eventuali biciclette. Mi auguro che si agisca in questo modo.

Comments are closed.