SARONNO – L’intensa pioggia caduta domenica mattina sulla città di Saronno ha ridotto ma non annullato le celebrazioni del 4 novembre dell’Amministrazione comunale.

Annullato l’alzabandiera in piazza Libertà e il corteo autorità, associazioni d’Arma e cittadini si sono ritrovati per le 11 in piazza Cavalieri di Vittorio Veneto. Ad aprire il momento ufficiale, guidato dal capitano Pietro Laghezza, l’alzabandiera e la deposizione della corona al monumento dei caduti.
E’ seguito il discorso del delegato del gruppo alpini ricco di annotazioni sulla prima guerra mondiale a Saronno dal ricordo dei caduti, 200 su una popolazione di 13 mila abitanti di cui 1200 uomini chiamati al fronte. Ma non solo è caduti è stato ricordato anche lo sforzo della città dalla creazione dell’ospedale alla Cassina Ferrara all’accoglienza dei profughi del Veneto.

Decisamente più improntato all’attualità il discorso del primo cittadino Alessandro Fagioli che indossando la fascia tricolore come prevede il protocollo ha invitato i presenti ad una riflessione sul concetto di forze armate toccando diversi temi d’attualità dallo ius soli, alla Catalogna fino alla “spinta popolare verso una maggiore autonomia gestionale delle nostre comunità locali”.

Un discorso che si è concluso con il ringraziamento alle forze armate presenti, a partire dal capitano dei carabinieri, Pietro Laghezza a quello della Finanza Adriano Celentano alle associazioni arma e alle autorità civili. Oltre al primo cittadino con gli assessori Pier Angela Vanzulli, Gianangelo Tosi, Maria Elena Pellicciotta, Gianpietro Guaglianone e Francesco Banfi era presente anche il presidente del consiglio comunale Raffaele Fagioli e diversi delegati dell’assemblea cittadina di maggioranza ed opposizione. Tra i saronnesi che hanno assistito alla cerimonia anche l’ex sindaco Pierluigi Gilli e l’ex presidente del consiglio comunale Augusto Airoldi.

05112017

6 COMMENTI

  1. Il sindaco dopo un due giugno penoso poteva anche non andarci visto il discorso che poi ha fatto,poteva anche prolungare le vacanze…

Comments are closed.