SARONNO – Oltre confine, nella nazione più verde d’Europa, in Slovenia, si è svolta nei giorni scorsi una stravagante quanto estrema competizione ciclistica: alla fine ha vinto il saronnese Fabio Banfi. Sfruttando l’infinita rete di strade forestali sterrate e le numerose piste ciclabili i cugini sloveni hanno pensato di inaugurare la stagione fredda con una lunghissima gara ciclistica (600 chilometri) su terreno misto condendola con qualche elemento originale : nessuna indicazione del percorso (fornita solo una traccia per dispositivi Gps), nessuna assistenza meccanica, nessun ristoro, nessun vincolo sulla tipologia di bicicletta utilizzata.

Ed ecco che hanno quindi preso il via di “Slovenia wild” numerosi ciclisti carichi di viveri,ricambi e dispositivi di navigazione; con una temperatura di 3 gradi hanno affrontato le dure salite attorno a Postumia per dirigersi fra borghi antichi e foreste verso il confine croato. Da subito la battaglia è stata fra i tre favoriti: Banfi, Fornaro ( veterano delle corse ciclistiche artiche) e Greselin (forte mountain biker). Sin oltre il confine croato si sono alternati alla testa del gruppo limitando al minimo le soste ed accelerando ad ogni falsopiano. Al terzo giorno di gara rientrati di nuovo in terra Slovena e transitando a bordo di laghi e zone paludose Banfi ha allungato giungendo per primo al traguardo seguito da Fornaro e Greselin. Fra le donne Pè ha dominato giungendo non solo prima di categoria ma anche quarta assoluta.

07122017

1 COMMENTO

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome