LIMBIATE – Sono 270 le sanzioni comminate nel periodo luglio-dicembre 2017 dagli operatori di Gelsia ambiente che controllano la correttezza del conferimento dei rifiuti da parte dei cittadini nei sacchi ritirati a domicilio. Un dato importante che ha convinto l’Amministrazione comunale a prorogare questo servizio di vigilanza ancora per tre mesi, ovvero sino al 31 marzo 2018, per introdurre quella che sarà la più grande novità in tema di raccolta dei rifiuti a domicilio, ovvero quella del sacco blu.

Proprio per educare i cittadini ad avere la giusta attenzione al conferimento dei rifiuti, è stata introdotta qualche mese fa la figura del vigile ecologico, che si accerta della corretta suddivisione dei rifiuti nei vari “sacchi” e delle esposizioni al di fuori dalle abitazioni. I due operatori di Gelsia Ambiente, opportunamente formati ed autorizzati a svolgere questo ruolo da un decreto di nomina sindacale, hanno la facoltà di controllare all’interno dei sacchi esposti e di comminare multe laddove si rilevano anomalie. Quella del vigile ecologico è stata la prima delle novità introdotte in tema ambientale che interessano il Comune di Limbiate in questi mesi. La seconda misura attesa è quella relativa all’introduzione del servizio di raccolta del rifiuto indifferenziato tramite sacchi di colore blu muniti di microchip, con i quali verrà misurato il rifiuto prodotto dalla singola utenza, con l’obiettivo di applicare una tariffa puntuale più equa secondo il principio “meno inquini meno paghi”. L’obiettivo dichiarato è di raggiungere l’80 per cento di raccolta differenziata. “Siamo certi che i nostri concittadini apprezzeranno il lavoro che stiamo facendo con Gelsia ambiente – commenta il sindaco Antonio Romeo – e che ci permetterà di incrementare la qualità e la quantità di raccolta differenziata a domicilio, per salvaguardare l’ambiente e per ridurre i costi di smaltimento”.

(foto archivio)

05012018