SARONNO – Bancarotta fraudolenta, sei persone sono state deunciate a piede libero dalla Guardia di finanza della Compagnia di Saronno, per reati che comprendono anche riciclaggio, autoriciclaggio, trasferimento fraudolento di valore e sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte.

Nel mirino delle Fiamme gialle del capitano Adriano Celentano due aziende della zona: secondo le indagini gli amministratori di queste società, operanti principalmente nel settore dei trasporti, avevano attuato operazioni per svuotare le imprese dei beni e delle residue disponibilità finanziarie al fine di condurle al fallimento, lasciando a secco i creditori ed contempo appropriandosi di quanto sottratto per fini personali o per realizzare investimenti in altre aziende di comodo intestate a prestanome, reclutati fra ex dipendenti. Secondo i finanzieri sono stati anche occultati e distrutti libri e scritture contabili. L’inchiesta si è svolta fra il Saronnese, la Campania e la Calabria ed ha consentito di emettere un decreto di sequestro preventivo di automobili, autotreni aziendali e un immobile in Calabria, fraudolentemente ceduto ad altro compiacente soggetto, parimenti indagato dalla Procura per intestazione fittizia di beni.

Il sequestro di tali beni, per un valore stimato in oltre centomila euro, ha lo scopo di tutelare i creditori, fra cui i dipendenti e piccoli artigiani,

19012018

1 COMMENTO

  1. ogni tanto però qualche nome di queste “persone oneste” la redazione de ILsaronno potrebbe anche farlo, così giusto per stargli alla larga e non incappare in possibili truffe….

Comments are closed.