SARONNO – E’ iniziato lo scorso weekend al gazebo allestito in centro la campagna elettorale del M5S di Saronno che ha presentato i candidati regionali e nazionali.

Gianluigi Paragone, candidato al Senato, è tra i primi ad arrivare, con lui Alberto Lucchese, candidato alla Regione Lombardia, e Paola Macchi con Stefano Bianco sempre per il Senato. Il gruppo viene presto raggiunto dagli altri candidati in corsa per la regione: Givago Cutillo, Mattia Carlotta Parrino, Mirko Bresciani, Cristiani Albieri, e per la Camera Monica Gliera, Alessandra Viola, Licausi Valentina.

La serata inizia con una passeggiata lungo corso Italia in compagnia dei candidati che hanno avuto modo di rispondere alle domande dei saronnesi simpaticamente e con grande semplicità. Notevole il consenso raccolto da Gianluigi Paragone che ha dimostrato di apprezzare molto la nostra città…e anche la cioccolata offertagli dagli ambulanti. Il gruppo si è poi riunito all’interno del locale Il Mago del Caffè dove era previsto un aperitivo di autofinanziamento e la presentazione dei candidati.

“La sala gremita è stata la risposta che ci aspettavamo organizzando l’evento – commenta dice Davide Vanzulli consigliere del M5S – gli argomenti trattati tutti interessanti hanno catturato l’attenzione non solo dei simpatizzanti ma anche di tanti cittadini che inaspettatamente si sono uniti al gruppo”.

Alberto Lucchese ha affrontato le problematiche regionali legate alla sanità e all’ambiente mentre Gianluigi Paragone ha spiegato le ragioni che lo hanno spinto a scendere in politica al fianco del M5S. Come sappiamo Paragone dedica gran parte del suo impegno al discorso “banche”, come riportato anche nel suo libro “Gang Bank”, e non nasconde la volontà di voler continuare a farlo all’interno delle istituzioni. Considerando il grande consenso raccolto nella serata domenica scorsa e la disponibilità di Paragone, Lucchese, Macchi e gli altri candidati, il M5S Saronno “pensa di dare un seguito a questo incontro con qualcosa di prettamente politico informativo dove argomenti importanti come l’economia, la sanità, l’ambiente e altri possano essere trattati in modo specifico e più approfondito, con un maggiore coinvolgimento della cittadinanza che ha davvero bisogno di un’informazione più chiara e più attenta in questo grande “caos” elettorale”.

11022018

1 COMMENTO

  1. Ma Paragone non era leghista convinto e direttore della Padania?…se va avanti così fa come Alfano, passa tutto l’arco da destra a sinistra e turna indrè…

Comments are closed.