Home Calcio Fbc Saronno: le emozioni di Antonelli che torna… da avversario

Fbc Saronno: le emozioni di Antonelli che torna… da avversario

373
0

SARONNO – Ancora una partita decisiva, dopo quella di domenica scorsa a Mede, per il Fbc Saronno che insegue la salvezza in Eccellenza. Ma la gara di domenica prossima allo stadio di Cesate con l’Union Villa Cassano è anche una gara del tutto speciale, è quella degli ex. Nella difesa cassanese ci sono Pacifico e Della Volpe, in panchina mister Gianluca Antonelli, tutti ex saronnesi. E proprio ad Antonelli abbiamo chiesto di parlarci dell’imminente sfida. L’attuale tecnico del Cassano ed ex Fbc Gianluca Antonelli ha guidato il Saronno nelle precedenti due stagioni, raggiungendo due sofferte salvezze. Mentre adesso con la sua nuova squadra sta iniziando a raccogliere quanto seminato nel corso del girone di andata, ed il Villa è adesso una delle squadre più in forma e brillanti del girone.


Dopo un anno ritorni a Saronno, da avversario questa volta. Cosa provi a rivedere giocatori e, soprattutto, i tifosi che a te sono sempre stati molto legati?
Ritornare a Saronno è una grande emozione. Essere stato sulla panchina del Fbc è un orgoglio per me, e tornare qui ha un sapore speciale. Per quel che riguarda i giocatori sarà un piacere rivedere Micky (Scavo) e Diego (Surace), entrambi ottimi calciatori e uomini veri; ma soprattutto due guerrieri che hanno lottato come leoni per me contribuendo alla salvezza dell’anno scorso, che per per mille ragioni è stata una vera e propria impresa. Per quanto riguarda i supporter, sarà bello rivedere lo striscione del Fronte per quello che significa, ed i ragazzi che lo portano in giro da anni con grande e giustificato orgoglio. Sono tifosi speciali e sono tutti nel mio cuore! Abbiamo gioito e sofferto insieme e anche se questa volta vengo da avversario mi sono sentito e mi sentirò sempre uno di loro!


Situazione difficile per il Saronno, cosa ne pensi?
La situazione del Saronno è difficile, inutile negarlo. Ma non è ancora detta l’ultima parola. Ci sono ancora 10 partite da giocare, quindi trenta punti... è ancora lunga e con i tre punti si può recuperare terreno. Per la salvezza diretta credo sia quasi impossibile ma sul discorso playout è ancora tutto da giocare; l’importante è riuscire a mettersi sotto una squadra ed accorciare sotto i sette punti dalla quint’ultima poi si vedrà. il mio augurio è che le vincano tutte, dopo la partita con noi ovviamente!


Come prepari la sua squadra in vista di questa sfida?
La partita la preparo al meglio come sempre. Con grande attenzione e rispetto per l’avversario. So che sarà durissima, anche perché per il Saronno ogni partita è l’ultima spiaggia, quindi ci stiamo preparando con grande determinazione all’ennesima battaglia sportiva consapevoli della nostra forza. Abbiamo fatto 13 punti nelle ultime 5 partite ma quello che abbiamo fatto fino ad oggi non conta più niente; conta solo la prossima partita! Lo spirito deve essere sempre questo non accontentarsi mai e non mollare mai!
Alessio Ronchi

22022018