SARONNO – Una vittoria e una sconfitta per il Saronno che sabato pomeriggio e sera ha ospitato sul diamante di via Ungaretti, secondo turno del campionato Isl, la formazione del Banco di Sardegna Nuoro. Dopo la batosta della settimana precedente (ben 40 punti incassati in due gare contro Collecchio) le isolane sono corse ai ripari, rinforzando la rosa che si è arricchita di giocatrici ceche, spagnole e statunitensi. Insomma, non più una squadra-cuscinetto ma un rivale da prendere per le molle. Come le saronnesi hanno avuto modo di saggiare sa subito. Primo match comunque vinto dalle padrone di casa, 3-1 (due punti alla terza, un punto alla quarta ripresa; per Nuoro un punto alla settima), in un incontro comunque senza troppi sussulti e con lanciatrici in gran spolvero, 10 strike out per la saronnese Alice Nicolini e sei strike out per la ceca del Nuoro, Martina Blahova.

Nella seconda partita la musica non è cambiata, Saronno h schierato sul monte l’australiana Nicole Boughton, che ha ben contenuto le avversarie. Ma a decidere è stato il punticino strappato dalla sarde: 0-1 segnato a quarto inning. Per Saronno il pensiero è già rivolto a sabato prossimo, derby in trasferta contro Bollate. La Rheavendors Caronno ha invece travolto l’Old Parma.

(foto: alcune fasi del match fra Saronno e Nuoro)

05052018