SARONNO – L’emergenza è scattata all’ora di punta, le 17.30 di lunedì pomeriggio: scontro fra un’auto ed una motocicletta lungo la tangenzialina di via Parma a Saronno, non lontano dall’intersezione con via Gorizia. Ad entrare in collisione uno scooter T-Max ed una Fiat 500, il centauro – un uomo di 44 anni residente a Saronno – è stato sbalzato a terra. Sul posto sono accorse le pattuglie della polizia locale, che hanno bloccato il traffico, ed una ambulanza del Sos Uboldo, ma è stato fatto accorrere anche l’elisoccorso che, proveniente dall’ospedale Niguarda di Milano, è atterrato in un terreno agricolo a bordo strada. Sul posto anche un’altra autolettiga, della Croce Verde di Lissone.

L’elicottero con il saronnese è ripartito poco dopo le 18, appena ne sono state stabilizzate le condizioni, ed è volato all’ospedale San Gerardo di Monza dove è stato portato il motociclista, a suo arrivo al pronto soccorso non è apparso in pericolo di vita, ma ha riportato una serie ferita a un piede. Lo scontro è avvenuto nei pressi della stazione di servizio Q8.

07052018

4 COMMENTI

  1. La croce verde da Lissone e l’elisoccorso da Niguarda oltre ad una vicina SOS Uboldo per portarlo a Monza: ma non conviene potenziare il P.S. dell’ospedale di Saronno piuttosto che spendere tutti questi soldi in mezzi di trasporto?

  2. le condizioni del paziente hanno fatto decidere per il trasporto presso un ospedale con un trauma team, una sala operatoria immediatamente disponibile ed a pochi minuti di volo. Le decisioni su quella che in gergo è definita “centralizzazione” del paziente è ESCLUSIVA competenza del personale sanitario medico che gestisce le emergenze urgenze (in questo caso il medico dell’elisoccorso in comunicazione con la centrale operativa SOREU METROPOLITANA di Milano). Invece di criticare e basta, provare ad apprezzare una macchina del soccorso che funziona molto bene. E per inciso, all’osp di Saronno, sarebbero stati assolutamente all’altezza.

Comments are closed.