SARONNO – Maltempo, bloccato anche il sottopasso di via Milano nei pressi del Municipio, sul posto è intervenuta la polizia locale. Dopo la pioggia del pomeriggio il fondo del sottopassaggio attorno alle 18.30 si è riempito d’acqua e si sono attivati i semafori rossi per bloccare il traffico in arrivo, lungo una delle più trafficate arterie fra centro storico e periferia di Saronno.

Problemi si sono registrati alla scuola elementare “Ignoto Militi” di via Antici, che era comunque vuota essendo terminato l’orario di lezione, per l’allagamento di alcuni locali. Stesso copione in piazza Borella, allagato, e stesso discorso quindi anche per via Milano oltre del tunnel di via I maggio. La vigilanza urbana si sta occupando di deviare il traffico, divenuto immediatamente molto difficoltoso su tutta la rete stradale del basso varesotto, a complicare le cose la circostanza del contemporaneo intervento in corso a Tradate, per un camion ribaltato, che sta assorbendo tutte le forze disponibili dei pompieri.

(foto: l’intervento della polizia locale al sottopassaggio di via Milano)

09052018

9 COMMENTI

  1. Piazza Borella l’hanno appena rifatta, complimenti a chi ha fatto i lavori. Non dimentichiamoci che il Lura passa sotto l’ospedale e sotto la piazza!

    • Oggi, a quell’ora, ho dovuto attraversare Saronno, uboldo, Origgio e Lainate…e tutte le vie e le piazze erano allagate, anche piazza Borella.
      Non trovate sempre il modo di sparare al pianista…senza senso.

        • ma lei era fuori ieri durante il nubifragio o a casa con le babbucce a scrivere i commenti?
          Quando l’acqua parte allaga il vecchio, il nuovo e tutto quello che trova…e usare ste cose per attaccare qualcuno significa ragionare seguendo il motto: Piove, governo ladro!

          • Io esprimo la mia opinione, lei esprima la sua opinione senza continuamente commentare le mie, si faccia gli affari suoi.

  2. La pulizia dei tombini e delle calditoie sono da programmare. C’era tutta la città paralizzata! I responsabili dove sono? Cosa fanno?

    • Spesso quello dei tombini da pulire è un po’ un luogo comune, qui credo che il problema sia “semplicemente” che il sistema può smaltire tot acqua, se ne arriva di più succede questo. Il problema è che le precipirazioni sono sempre più estreme, spesso concentrate in pochissimi minuti, rispetto a quando probabilmente la maggior parte della rete è stata concepita, per cui bisogna augurarsi che magari sia possibile intervenire. Fortunatamente capita poche volte l’anno.

      • E’ inutile che ti sforzi a spiegarglielo, siamo noi a non capire che è colpa di Don Camillo o di Peppone.

Comments are closed.