SARONNO – Sono state presentate oggi alla presenza del vicesindaco Pier Angela Vanzulli le principali novità dell’impianto esterno della piscina di via Miola.

“Innanzitutto – spiegano dalla Saronno Servizi che gestisce la struttura – è completamente cambiata la vivibilità gli spazi, grazie all’allargamento di 400 metri quadrati dell’area verde c’è una nuova sensazione “d’apertura” per chi vive lo spazio”. Ci sono poi le novità dagli acquascivoli per i bimbi fino al metro e quaranta: “Con questo investimento abbiamo completato l’area gioco, completamente a norma in in sicurezza, affiancando alla piscinetta per i piccoli anche una proposta per i più grandi”.

Rinnovata e migliorata anche l’area relax (con un maggior numero di letti) e l’area bar che ha anche studiato una proposta ad hoc per unire pausa pranzo e piscina.

In termine di soluzioni su misura la Saronno Servizi propone una serie di pacchetti: “Promo-Family” con l’ingresso all’impianto a costo ridotto per i nuclei familiari con omaggio delle sdraio nei giorni feriali, “Pacchetto Fitness 10” che fornisce la possibilità di acquistare un programma di dieci ingressi per tutte le attività di acquafitness da utilizzare a consumo, “Ingresso festivo omaggio” che offre ai bambini iscritti al campus l’ingresso alla piscina all’aperto anche durante il sabato (o la domenica a discrezione) per tutti i weekend dell’estate 2018

L’impianto sarà aperto tutti i giorni fino al 9 settembre: “In modo da offrire a tutti i saronnesi la possibilità di vivere l’impianto a costi contenuti”.

“E’ una proposta di qualità e decisamente accessibile – riassume il vicesindaco Vanzulli presente per l’Amministrazione visto che il primo cittadino Alessandro Fagioli è partito per una breve vacanza – per cui è doveroso un plauso al personale della Saronno Servizi e al presidente Alberto Canciani. Speriamo si trasformi quotidianamente in un’occasione di relax, svago e divertimento, anche solo per una pausa pranzo, per tanti saronnesi di tutte le età”.

07062018

5 COMMENTI

  1. Certo l’area è stata ampliata togliendo spazio al parco adiacente, in questo modo sarà accessibile fruire del parco solo attraverso il pagamento del biglietto alla piscina. Era così necessario? Per tre mesi all’anno? La piscina non aveva già abbastanza spazio? Il parco adiacente è stato ridotto all’osso e i bambini hanno meno spazio per giocare. D’altra parte a Saronno è così o paghi o niente.

    • Il commento più inutile della storia. Oggi sono passato di lì area anche se ristretta ben accessoriata giochi all’ombra ecc.

      • Accessoriata? I bambini hanno bisogno di sostanza non di accessori, non sono ancora tutti consumatori inebetiti come la maggior parte dei saronnesi.

  2. quello adiacente non mi sembrava un parco per bambini piuttosto un area poco curata e lasciata allo sbando. almeno ora ha una connotazione certa. poi la piscina mi sembra molto meglio ora.

Comments are closed.