UBOLDO – “Sembrava essere giunta ad una conclusione la vicenda del “rave” organizzato nella minicava la notte fra il 31 ottobre e il 1 novembre dello scorso anno, rispetto al quale Uboldo civica ha espresso disapprovazione e condanna. Fra aprile e maggio si è appreso che i responsabili sono stati multati dal Comune e che la Giunta comunale ha negato la proroga della convezione all’associazione che occupava quegli spazi, mentre la ha concessa alle altre due presenti nella minicava. L’associazione è stata invitata a sgomberare l’area entro 30 giorni”. A riepilogare la vicenda un comunicato stampa della lista d’opposizione. Che prosegue: “Tutto finito? No, perché nelle ultime settimane ci sono stati ulteriori colpi di scena. L’associazione estromessa ha presentato ricorso al Tar, il Tribunale amministrativo, e in sede cautelare ha ottenuto la sospensione dello sgombero. A quel punto, la Giunta Guzzetti, anziché costituire il Comune in giudizio, ha revocato la propria decisione di respingere la richiesta di proroga della convenzione”.

Prosegue Uboldo civica: “In questo modo la Giunta ha rinunciato a difendere la propria decisione, nonostante i roboanti proclami di fermezza e tolleranza zero. Perché questo passo indietro? L’Amministrazione aveva paura di perdere il ricorso nel merito? Infatti, venendo meno l’oggetto principale del ricorso, nella sentenza del 7 giugno il Tar lo ha dichiarato in larga parte improcedibile, senza discuterlo nel merito. Il Tar ha però annullato la decisione del sindaco di cancellare l’associazione ricorrente dall’Albo comunale delle associazioni, perché sarebbe stata presa in violazione delle regole e non avrebbe garantito i diritti dell’associazione stessa, per esempio il più importante, quello di potersi difendere. Per questa ragione il Tar ha anche condannato il Comune a pagare alla ricorrente oltre 2000 euro di spese processuali. Quest’ultima è una pronuncia importante, perché ha stabilito che il sindaco non può cancellare le associazioni dall’Albo a suo piacimento, come aveva fatto in precedenza anche con la banda. Non si tratta di essere indulgenti, ma di affermare un principio. L’Albo delle associazioni non è la pagina Facebook del privato cittadino Lorenzo Guzzetti, dove può accettare e togliere l’amicizia, insultare e bannare chi vuole. Non si gestiscono così i rapporti con le associazioni”.

Concludono dalla lista: “Il comportamento contraddittorio dell’Amministrazione ha portato il Comune a dover pagare 2000 euro ed ha creato una situazione di incertezza: la revoca del respingimento della proroga implica automaticamente il suo accoglimento? Oppure siamo in un limbo in cui la proroga non è stata né concessa, né respinta? È tutta la vicenda a meritare approfondimenti e risposte, ma di certo decade l’ordine di sgombero entro 30 giorni e l’Amministrazione dovrà eseguire la sentenza che riammette l’associazione nell’Albo”.

18062018

5 COMMENTI

  1. Guzzetti come il Celeste….. FINITO!
    ADESSO APRI IL TUO PORTAGOGLIO E PAGA, tira foera i danee poi pensionati.

  2. Il problema sta negli amici e negli amici degli amici ! Svegliaaaaaaaaa ……….

Comments are closed.