Casa Pound ripulisce la stazione dello spaccio della Saronno-Seregno

1545
2

CERIANO LAGHETTO – SARONNO – “Spaccio e criminalità sono cellule cancerogene che vanno estirpate, per questo abbiamo deciso in partecipare all’iniziativa organizzata dall’Amministrazione comunale”. Così Angela De Rosa, portavoce regionale di Casa Pound Italia, presente con alcune decine di militanti del movimento – compresa una delegazione varesotta – alla manifestazione di presidio per contrastare la criminalità che interessa non solo parte del comune di Ceriano Laghetto ma tutta la porzione lungo la linea Saronno-Seregno e nel vicino Parco delle Groane.

Ieri mattina i volontari hanno realizzato un intervento di pulizia nella verde intorno alla stazione Ceriano Groane: “Abbiamo trovato – spiega Gabriele Bardelli – persino una cucina da campo. Rifiuti di ogni tipo e tanti attrezzi per il consumo e lo spaccio: una sorta di parco dello spaccio”. Tre i furgoncini della nettezza urbani riempiti dai sacchi della spazzatura raccolti dai volontari.

“Il sindaco Dante Cattaneo sta rispondendo, con forza, con gli strumenti che ha a sua disposizione e non può e non deve essere lasciato solo in questa battaglia per il ripristino della legalità. Non poter vivere liberamente e in sicurezza il proprio territorio, è una terribile sconfitta per le Istituzioni.”

“Casa Pound Italia da sempre mette al primo posto i diritti della gente per bene – prosegue Angela De Rosa – e consentire ai cittadini di vivere la propria “zona” è il primo presidio contro la criminalità: bene i consigli comunali convocati nella stazione dove regna lo spaccio, e ottime le iniziative come quella di stamane che servono a ribadire che questa non è la terra di nessuno. Però, bisogna fare di più: serve un sistema di controllo ferreo e intransigente perché chi delinque capisca che il tempo del paese del bengodi è finito”

“Siamo accanto ai cittadini di Ceriano Laghetto e al loro sindaco oggi – conclude la portavoce regionale di Casa Pound Italia – e ci impegniamo a garantire con la nostra presenza la risoluzione del problema”.

 

2 COMMENTI

Comments are closed.