SARONNO – Sarà la proprietà a dover ripristinare la recinzione crollata a causa del maltempo. E’ successo al rione Matteotti dove alcune piante sono cadute sul campo da tennis e da basket di via Leonardo Da Vinci.

Il forte vento che in concomitanza coi temporali di martedì sera e mercoledì notte ha spazzato la città unito forse a qualche problema di stabilità ha abbattuto alcuni alberi al confine tra un cantiere e gli impianti sportivi. Finendo al suolo gli alberi si sono trascinati dietro la recinzione in rete invadendo così il campo di gioco.

Diversi i residenti del quartiere che hanno contattato l’Amministrazione per richiedere un intervento. “Abbiamo intimato alla proprietà di intervenire con la rimozione delle piante e il ripristino della recinzione – concludono dal Comune – se non saranno effettuati nei tempi dovuti, ce ne occuperemo noi imputando poi le spese al privato”.

2 COMMENTI

  1. Possiamo ben dire che è l’episodio è la classica ciliegina sulla torta…
    Chiamare campi da tennis quei campi è un semplice eufemismo, l’impianto è in totale degrado ed in abbandono da anni.
    A memoria di tutti ricordo che si tratta di aree realizzate a scomputo di oneri di urbanizzazione volute dal comune quando si sono costruite le abitazioni di Via Leonardo da Vinci.
    Naturalmente si è costruito un impianto senza valutare l’effettiva possibilità di manutenere e sostenere le aree in futuro, così dopo una decina di anni di sofferta gestione dei campi da Tennis si è giunti a 15 anni di abbandono con tutto quel che ne consegue.
    Una delle tante aeree senza senso di Saronno voluta da urbanisti improvvisati,,,,

  2. Il verde privato, ovviamente gestito da privati, diventa verde pubblico che tutti noi cittadini ne usufruiamo. Peccato che quando succede qualche temporale o vento forte e qualche albero di alto fusto viene sradicato facendo seri danni , chi paga? Ovviamente il privato. Questo non lo ritengo giusto. Faccio un esempio nel mio giardino ci sono due cedri del libano centenari. Non si può escludere che con i cambiamenti climatici in atto potrebbero cadere e fare danni incalcolabili a cui non potrei far fronte. Ho chiesto al Comune il permesso di abbatterli con esito negativo. NON SI POSSONO TOCCARE il verde è per tutti. Chiesi, visto che sono intoccabili, che se ne facessero carico degli eventuali danni e la potatura. La risposta la potete immaginare. A mio avviso sarebbe utile regolamentare il verde privato sotto vincolo e di interesse pubblico.

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.