CARONNO PERTUSELLA – Trecentomila euro di rimborsi, quasi equamente distribuiti nei prossimi tre anni: ecco servito il rimborso per la Tari dovuti agli errati conteggi da quando, tempo fa, è stato introdotto il cosiddetti “sacco viola” per la raccolta differenziata, dotato tra l’altro di microchip. I rimborsi di quanto pagato in eccesso infatti saranno detratti nei prossimi mesi dalle fatture recapitate alle famiglie caronnesi.

Come detto i fondi sono stati individuati in tre annate specifiche; 100mila euro per l’attuale, altrettanto l’anno prossimo e 97mila euro nel 2020. Soldi che vanno a coprire la pena applicata dall’Amministrazione a Econord, che si occupa della raccolta rifiuti e che ha commesso degli errori nella fatturazione all’ente locale. C’è chi ha pagato più del dovuto, ma anche meno, provocando peraltro tantissime proteste fra i cittadini.

Così si è corso ai ripari con una variazione di bilancio, che andranno a sanare la situazione che si è creata. Così, nelle prossime cartelle che saranno recapitate alle famiglie caronnesi ci sarà il conteggio esatto, con tanto di “sconto” a chi avrà, in passato, pagato di più di quanto dovuto.

(foto di archivio)

09082018