CISLAGO – Taglia da 500 euro per chi ha lasciato polpetta avvelenate alla periferia di Cislago, quelle rinvenute nei giorni scorsi nella zona della pista ciclabile in frazione Santa Maria di Cislago. La taglia è una idea della Aidaa, l’Associazione italiana difesa animali ed ambiente: “Secondo i residenti sono state sparse diverse polpette avvelenate e solo un provvidenziale avvistamento ha permesso di ritrovare le polpette di carne imbottite di metaldeide. Si tratta di un potente fitofarmaco usato come lumachicida, in passato erano già state rinvenute tali sostanze e alcuni cani erano stati salvati per miracolo dalla morte per avvelenamento” rilevano dall’Aidaa.

“Riteniamo doveroso, cosi come facciamo anche nel resto d’Italia, intervenire con una precisa presa di posizione, perchè si metta fine a questa strage di animali uccisi con il veleno – fa presente il presidente nazionale di Aidaa, Lorenzo Croce – E vogliamo, sotto il profilo concreto, mettere a disposizione un “premio” per chi fornirà informazioni utili. Grazie all’aiuto generoso di un privato cittadino, abbiamo infatti deciso di istituire una taglia di 500 euro che sarà pagata a chi con la propria testimonianza aiuterà ad individuare e condannare in via definitiva l’autore o gli autori dello spargimento delle polpette avvelenate. Le segnalazioni che dovranno essere indirizzate ai carabinieri oppure alla nostra associazione, scrivendo al nostro indirizzo di posta elettronica e cioè direttivo.aidaa@libero.it”.

18082018