Home Groane Sacco Blu: la distribuzione a Limbiate comincia il 10 ottobre

Sacco Blu: la distribuzione a Limbiate comincia il 10 ottobre

473
0

LIMBIATE – Fra un mese a Limbiate viene introdotta una grande novità riguardante la raccolta domiciliare dei rifiuti: l’indifferenziato dovrà essere conferito unicamente all’interno del sacco blu, dotato di microchip identificativo dell’utente.

In vista della data di avvio, fissata per lunedì 5 novembre, da mercoledì 10 ottobre e sino al 3 novembre, ci sarà la distribuzione gratuita, presso l’Antica Chiesa di piazza Solari, dei sacchi blu. In concomitanza, sono in programma cinque serate pubbliche informative, una per ogni quartiere, in cui i tecnici di Gelsia Ambiente daranno indicazioni e risponderanno ai quesiti dei cittadini relativi alle nuove modalità di raccolta (10 ottobre al centro anziani di via Roma, 16 ottobre al centro anziani di via Bramante, 18 ottobre al centro civico di piazza Aldo Moro, il 23 ottobre all’oratorio di Mombello e il 25 ottobre in villa Mella).

Ma non è tutto: la massiccia campagna di comunicazione ha previsto incontri con i dipendenti comunali, con le associazioni e le “grandi utenze” (scuole, centro sportivo, imprese), con gli amministratori di condominio, oltre all’invio, casa per casa, di un opuscolo informativo e all’organizzazione di info point le domeniche mattina nelle piazze delle chiese (il 14 ottobre a Mombello, il 21 ottobre a Pinzano, il 28 ottobre a San Francesco) e i martedì al mercato (16 ottobre in piazza Tobagi e 23 ottobre in piazza Aldo Moro). “Siamo convinti di poter arrivare all’obiettivo che ci siamo prefissati – spiega il sindaco Antonio Romeo – ovvero a quella quota dell’80% di differenziazione di tutti i rifiuti prodotti sul territorio comunale, diminuendo i rifiuti destinati all’inceneritore, che costano sia a livello di inquinamento ambientale, sia a livello di costi di smaltimento a carico del comune”.
Al fine di rendere più funzionale il servizio con il sacco blu, vi sarà anche un’altra novità, ovvero quella della suddivisione del territorio in sei zone di raccolta (ora sono tre), perché così verrà garantita la presenza quotidiana del mezzo deputato al ritiro domestico. “Il sacco blu è dotato di un microchip che consentirà di legare il rifiuto prodotto all’utente singolo o al condominio, così che ognuno si senta responsabilizzato nell’effettuare una corretta raccolta differenziata – ha spiegato il direttore di Gelsia, Antonio Capozza – Dopo un primo periodo di prova e verifica in cui lasceremo avvisi esplicativi sulle irregolarità, procederemo a lasciare sul posto i rifiuti conferiti erroneamente e a sanzionare i responsabili dei conferimenti errati”.

08102018

(nella foto: la conferenza stampa di presentazione del Sacco Blu)