SARONNO – “Chi sostiene, ingiustamente, che sul fronte sicurezza l’amministrazione non abbia fatto niente è bene torni a stare in silenzio”.

Inizia così la nota del capogruppo della Lega Nord Angelo Veronesi in merito al raid vandalico di sabato notte e in particolare all’identificazione di tre autori delle scritte realizzate in centro.

L’aumento degli agenti di polizia locale, le nuove dotazioni tecnologiche, la sistemazione di tutte le telecamere che non funzionavano più e l’installazione di un numero consistente di nuove telecamere per coprire tutta la città consente di rendere Saronno più sicura.

“Grazie ai mezzi tecnologici e alla capacità degli agenti della polizia locale sono stati identificati tre writers, responsabili dei recenti attacchi notturni ai muri delle abitazioni dei cittadini. L’Amministrazione invita a denunciare, in modo che vengano colpiti nel portafoglio con richieste di danni da parte dei cittadini che sono stati vittime di questi attacchi.

Ci associamo a questa richiesta e applaudiamo agli ingenti investimenti fatti per la sicurezza. Si stanno iniziando a cogliere i frutti, la musica è cambiata”

18102018

 

6 COMMENTI

  1. Musica stonata! Io denuncio poi loro mi imbrattano di nuovo le vetrine del negozio se non fanno altro di più grave. Questa è la sicurezza che Veronesi propone? Stiamo freschi!

  2. Chiedo cortesemente una centrale di pronto intervento che anche in orario notturno possa intervenire, sulla base del controllo con telecamere. Se no si agisce sempre a posteriori invece bisogna essere proattivi e agire per tempo, così si rende sicuro un luogo, intervenendo per scongiurare. Poi mi auspico che qualcuno li denunci e che questi possano pagare per tutti i precedenti… Saronno e i saronnesi sono stufi.

  3. Rispetto a tre anni fa non è cambiato nulla: la città è sempre più sporca, alla sera non si può girare, al massimo alla domenica trovi le solite auto d’epoca e se devo fare qualcosa faccio dieci km e vado a Legnano. I Telos ci sono ancora e sporcano lo stesso, gli spacciatori anche e non solo in stazione ma anche all’aquilone, ma sto sindaco e sta Lega cosa hanno fatto? ma cosa è migliorato? Ma in che mondo vivono?

  4. quindi, se qualcuno non denuncia, il comune non puó fare nulla? chi imbratta i muri rovina l’immagine della cittá e chi governa la cittá non può fare nulla? state dicendo questo?

  5. quando un governo, nel nostro caso un’amministrazione comunale, sollecita i cittadini a denunciare, anche se per motivi, come in questo caso più che condivisibli, dimostra il proprio fallimento. E’ evidente che l’amministrazione non è inn grado di contenere il degrado, di prendere provvedimenti, di identificare e perseguire neppure questi quattro imbecilli che pensano di fare chissà che imbrattando i muri armati di bombolette spray. Sono solo dei poveri disadattati che però dovrebbero essere puniti severamente, ma ormai da anni il sindaco, che si era presentato e aveva vinto le elezioni mettendo come punto principale la sicurezza, riesce solo a lamentare il degrado, a trincerarsi dietro al supposto immoblismo della magistratura e non ha fatto nulla di concreto. I Telos continuano con gli schiamazzi, con i concerti non autorizzati, con i danni diffusi alla città, gli spacciatori continuano il loro commercio, i nomadi-residenti-non-più-nomadi a razzolare alla piattaforma dei rifiuti, e il sindaco continua a lamentarsi e a rassicurare che ha fatto tanto per la sicurezza, come se i cittadini non vivessero nella città che dovrebbe amministrare non con le parole, ma con i fatti.

Comments are closed.