SARONNO / BUSTO ARSIZIO – Dopo essere stati anche a “Saronno sud”, a settembre teatro di una violenza sessuale a danni di una sedicenne, militanti locali di Forza Nuova hanno compiuto un sopralluogo allo scalo di Busto Arsizio di Trenord: denominatore comune, la richiesta di sicurezza.

Nella serata di mercoledì 5 dicembre infatti gli attivisti di Forza Nuova della provincia di Varese sono ritornati alla stazione ferroviaria Busto Arsizio Nord per effettuare un sopralluogo a seguito di nuove segnalazioni pervenute loro da diversi pendolari del posto. “A distanza di poco più di un mese i forzanovisti hanno trovato una situazione pressochè invariata – si legge in un comunicato del gruppo politico – Davanti all’entrata principale staziona, consumando alcolici, un gruppo di magrebini da cui è possibile acquistare stupefacenti; all’interno, talvolta sulle panchine, talvolta sulle scalinate vi è lo “storico” gruppo di tossicodipendenti, in costante attività nonostante i via vai di gente e nella zona esterna a ridosso delle vetrate vi sono diversi giacigli di sbandati; soggetti di conclamato disturbo a chi parte o arriva coi treni, individui che sarebbe opportuno allontanare sia per le illegalità svolte quanto per non contribuire a ricreare nuovi “set” di pericolo. L’azione forzanovista non si è esaurita all’iniziativa appena descritta: nella giornata di oggi Federico Russo, responsabile provinciale, ha inviato all’assessore alla Sicurezza Max Rogora una richiesta di incontro per esporgli le proposte del movimento in merito al coinvolgimento popolare nel controllo del territorio”.

07122018

SCRIVI UN COMMENTO

Pe favore, inserisci il tuo commento
Per favore, inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.