SARONNO – Da Varese lo sciopero bianco potrebbe dilagare a Saronno: pochi minuti fa il Collettivo Anopticon, il gruppo di studenti che ha organizzato la manifestazione studentesca a cui hanno partecipato 2 mila 500 studenti lo scorso 30 ottobre e ha gestito la partecipazione delle scuole saronnesi alla manifestazione dello sciopero generale a Milano, ha lanciato un appello a tutti gli iscritti agli istituti superiori cittadini.

L’invito è quello di continuare la lotta con lo sciopero bianco. In sostanza i ragazzi disertano le aule e le lezioni ma continuano a studiare, discutere e imparare restando però nei corridoi come forma di protesta. Un’iniziativa pensata anche per sostenere le posizioni dei docenti contro la riforma Profumo. Un’unione, docenti e studenti, che a Saronno si era già registrata per la prima manifestazione dell’anno condivisa, almeno sui contenuti, anche dal preside del liceo scientifico GB Grassi Giulio Ramolini. Il tam tam sulla Rete è febbrile, e ancora non si sa cosa accadrà domani mattina nei plessi scolastici saronnesi.

Di seguito il comunicato del Collettivo Anopticon

Il nostro diritto all’istruzione è sotto attacco. Cosa possiamo fare per salvare il nostro futuro? Discutere e manifestare non basta. Bisogna dare segnali chiari a coloro che tentano di assassinare la scuola pubblica, riducendola, da luogo di formazione personale, a luogo di formazione professionale. Per questo si indice uno sciopero che si sta diffondendo in tutta Varese, uno SCIOPERO BIANCO: niente lezioni frontali, niente vincoli sugli argomenti, niente limiti al dialogo. Svuotiamo le classi,riversiamoci nei corridoi delle nostre scuole e facciamo lezione in modo completamente autonomo. Per sostenere le proteste dei professori. Per lottare contro la riforma Profumo. Per salvaguardare il nostro diritto ad avere un futuro, gli studenti di ogni scuola si autogestiranno come più ritengono opportuno. SCIOPERO!