Home Cronaca Migliaia di saronnesi giocano all’Aldo Moro con una richiesta “organizziamolo tutte le...

Migliaia di saronnesi giocano all’Aldo Moro con una richiesta “organizziamolo tutte le domeniche”

54
0

SARONNO – “Neppure spegnendo le luci siamo riusciti a mandare a casa gli ultimi e più accaniti giocatori che, ci hanno chiesto più volte, quando riproporremo l’iniziativa”. Basta questo aneddoto raccontato dagli organizzatori per testimoniare il successo di “La città del gioco” che, nell’ambito di “Diritti in gioco” l’iniziativa organizzata dall’assessorato alle Culture, sabato 17 e domenica 18 novembre ha trasformato la palestra della scuola Aldo Moro in una sala giochi.

Il successo del primo weekend dedicato ai giochi in scatola, e allestito alla sala Nevera, è cresciuto esponenzialmente questo fine settimana quando migliaia le persone accorse per giocare ai grandi classici come Monopoli e Cluedo ed anche alle ultime novità come il saronnese Aquileia per il quale è stato organizzato il primo torneo cittadino.

Gli spazi sono stati allestiti dai volontari che si sono messi anche a disposizione dei giocatori spiegando loro le regole del gioco e fornendo tutto l’aiuto necessario. <Il lavoro e la disponibilità dei volontari è stato unico – spiegano gli organizzatori – e li vogliamo ringraziare tutti Emanuele Valese, Andrea Finessi, Flavio Melotti, Enrico e Daniele Cattaneo. Impossibile dimenticare le associazioni “Anema e core”, le Officine del Sole, l’Associazione nazionale carabinieri, Agres senza dimentica il Terzo Conclave e i ragazzi dello Ial Lombardia quelli del corso di meccanica che hanno aiutato i più piccoli con la costruzione delle macchinine da far correre lungo la pista e quelli del corso di pasticceria che hanno tenuto autentiche lezioni di cucina insegnando ai bimbi a fare la pasta di noci, la torta ragno e i baci di dama>.

Protagonisti indiscussi del pomeriggio sono stati però i giochi:<Sicuramente quello più apprezzato è stato Subbuteo – spiega Alessandro Banfi, vero esperto del settore – i tavoli non erano mai vuoti. Ottimo riscontro anche per la versione elettronica di 1,2,3, Stella! che ha riscosso molto successo come il torneo di Bang! e quello di Yu-gi-oh!>. Insomma un vero paradiso per i bimbi, per i più piccoli c’era la maxi area Duplo e poi proposte ad hoc per tutte le fasce età, ma in cui si sono divertiti anche i più gradi. Tantissimi i genitori, ed anche i nonni, che hanno iniziato guardando i propri figli e nipoti poi si sono trovati coinvolti nel gioco tanto da non riuscire a smettere.

Un successo dimostrato anche dalle richieste di grandi e piccoli di ripetere l’iniziativa a breve magari, come ha chiesto un bimbo di 6 anni, “già domenica prossima”.