SARONNO – Hanno incrociato le braccia come studenti, disertando le aule per dire no ad una riforma che secondo loro impoverisce la scuola, ma non sono rimasti con le mani in mano, si sono rimboccati le maniche e si sono messi all’opera ripulendo il giardino del proprio istituto. Hanno dimostrato un buon spirito d’iniziativa i ragazzi dell’Itc Zappa dove venerdì mattina è iniziato lo sciopero bianco.
Come nella prima giornata anche sabato i ragazzi hanno organizzato diversi gruppi di lavoro e di studio nei corridoi. “L’obiettivo è non perdere tempo – spiegano i rappresentanti Gabriele Prandini e Lorenzo Parisi – la nostra protesta è contro la riforma e non per saltare le lezioni”. Così dopo aver realizzato degli striscioni per informare anche il quartiere della protesta in corso un gruppo di studenti del biennio ha deciso di ripulire il giardino della scuola. Armati di sacchi della spazzatura e guanti hanno raccolto mozziconi di sigarette, fogli, ma anche scatoloni, lattine ed altri rifiuti gettati nel cortile delle scuola da auto di passaggio. “Vogliamo lottare per una scuola migliore che abbia più fondi per le attività didattiche ma anche che sia efficiente. Per questo ci impegniamo non solo a livello generale ma anche concretamente a partire dal nostro cortile e dal nostro giardino” concludono i delegati.