anovo saronno presidi (1)
La politica “batta” un colpo e sostenga la lotta dei lavoratori dell’Anovo di Saronno e dell’Ims di Caronno Pertusella: è questo il messaggio lancia Franco Legnani a nome della Federazione della Sinistra che invita anche a una riflessione sul futuro delle aree che ospitano le due aziende “che dovranno rimanere a destinazione produttiva”.

Ecco il testo integrare della nota.

Nel mese di dicembre, in pieno periodo di festività natalizia, si stanno consumando due eventi che comportano enormi drammi umani, sociali e lavorativi. Il 4 dicembre i 103 lavoratori della Ims hanno ricevuto le lettere di messa in mobilità. Altrettanto è successo agli oltre 200 lavoratori della A. Novo. Sono aziende che sono entrate in crisi non per mancanza di commesse ma per scelte scellerate dei vertici aziendali.
Queste due aziende sono i casi più conosciuti della crisi che sta attanagliando il saronnese e che coinvolge altre realtà più piccole ma, purtroppo, con gli stessi devastanti esiti.
I lavoratori non hanno intenzione di rassegnarsi e continuano la lotta.
Di fronte a questa situazione non è possibili assistere inermi. La Federazione della sinistra, a tutti i livelli, è impegnata a fianco dei lavoratori affinché le loro lotte siano coronate dal successo per la difesa del lavoro e con esso della dignità del lavoro e dei lavoratori.
Dichiariamo fin da ora che appoggeremo ogni azione che i lavoratori intenderanno attuare e ci faremo parte attiva per la loro riuscita.
Riteniamo inoltre che l’appello lanciato dai lavoratori della Ims alle istituzione vada accolto. Chiediamo pertanto a tutti i sindaci del saronnese, unitamente alla Provincia, di attivare uno o più tavoli, coinvolgendo i rappresentanti di lavoratori ed aziende, per cercare tutti assieme possibili soluzioni.
Nel frattempo occorrerà ribadire con forza che le aree in cui sorgono queste aziende rimarranno a destinazione produttiva al fine di scoraggiare eventuali speculatori avvoltoi che avessero delle mire su quei siti.
La politica batta un colpo! Ne va del destino economico della zona! Come Federazione della Sinistra non lasceremo nulla di intentato e ci auguriamo che anche altre forze politiche e sociali facciano altrettanto.