angelo veronesiSARONNO – “Panem et circenses (pane e giochi) solevano dire gli antichi. Oggi non c’è spazio nemmeno per i fuochi d’artificio in una Saronno sovietizzata, dove si risparmia su tutto ciò che non è di interesse del Partito”: dopo l’ennesimo Capodanno senza spettacolo pirotecnico e senza eventi nel centro storico di Saronno, la levata di scudi viene da Angelo Veronesi, capogruppo della Lega Nord in consiglio comunale.

“Evidentemente stanno mettendo da parte i soldi per pagare le consulenze esterne per il Piano di governo del territorio – ironizza Veronesi – Al di là di tutto, è davvero sconcertante che una Saronno, un tempo riferimento anche per tutto il circondario, non si riesca ad allestire neppure un piccolo intrattenimento per chi, e sono tanti, causa crisi non sono potuti andare in vacanza. Ad attendere questi giovani, questa famiglie la notte di Capodanno un centro storico senza musica e senza colori. Ma davvero l’Amministrazione civica non ha i soldi per allestire un piccolo spettacolo di fuochi. Credo che facilmente sarebbe stato possibile organizzarlo a costo zero, con l’aiuto di qualche commerciante della zona. I bar sarebbero potuti restare aperti, ed in piazza Libertà magari si sarebbe potuto predisporre un palco per fare suonare, anche in questo caso a costo zero, le band locali. Eppure niente: non credo sia questione di soldi, credo sia questione di volontà. E di assoluta mancanza di fantasia da parte dell’Amministrazione di Centrosinistra del sindaco Luciano Porro che, ahinoi, ci governa da un paio d’anni, che sono già troppi”.

9 Commenti

  1. Ma vi immaginate cosa avrebbero scritto se si fosse speso un solo Euro per far festa??? In questi tempi in cui ovunque si tira la cinghia, il Sindaco sarebbe stato uno sprecone, comoda la posizione dell’opposizione, ma chi non l’ha ancora capito?

  2. Mi sarei meravigliato se questa giunta avesse organizzato qualcosa. Saronno è una città dormitorio ormai e a troppi sta bene così. Che amarezza.

  3. A me personalmente fa un po’ ridere vedere come si faccia politica nelle città tanto quanto in parlamento. Finitela di contestare tutto. Come ha scritto pinco, se si fosse speso un solo euro avreste criticato quello. Se non avessero speso niente avreste criticato il fatto che hanno sprecato tempo a organizzare la festa di capodanno quando invece i problemi della gente sono altri.

  4. @ Stufodellafintapolitica:
    Hai ragione, tendenzialmente è sempre difficile mettere d’accordo tutti, però è proprio perchè stiamo attraversando un periodo di icertezza e di crisi economica e lavorativa che vorremmo si facesse più attenzione alle piccole cose che spesso sono quelle che ti danno maggiori soddisfazioni. Tanto lo sappiamo bene che i soldi non ci sono, se ci sono sono pochi, ma comunque spesso quei pochi soldi vengono spesi per stupidaggini ancor più grosse di una festa di capodanno per i saronnesi. Non priviamoci sempre delle piccole soddisfazioni o i piccoli svaghi in nome della crisi.
    Buona giornata.

      • Tipo il deposito di bici sito in comune? O i simboli a livello del manto stradale per il 30 all’ora, il nuovo marciapiede a raso rosso brillante in zona f. Reina, il continuo rifacimento stradale con tappa buchi in cassina per non riasfaltare la strada, i totem in città che puntualmente non funzionano mai. Io parlo da privato cittadinoche paga le tasse, che è felice di farlo e che per questo ha il diritto di dire cosa non va. Non appartengo a nessuna fazione politica e me ne vedo bene dal farlo, Poi che ci sia destra o sinistra per come la vedo non cambia mai nulla a Saronno, tranne i colori e i simboli appesi in comune.

  5. Questa e’ la lega . e -quantomeno qui a saronno -contestano tutto sempre e comunque a prescindere. ..che noia mortale…..

Comments are closed.