rifiuti Cassina Ferrara (1)SARONNO – Cresce la protesta in città per i problemi derivanti dalle novità introdotte per la raccolta differenziata.

Dal primo gennaio l’Amministrazione, in seguito al nuovo contratto per la gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti ha introdotto alcune novità per il conferimento dei rifiuti: alluminio e lattine vanno gettate nel sacco della plastica e per le zone 1 e 2, ossia il centro e la Cassina Ferrara, sono previsti nuovi giorni per il ritiro a domicilio (qui l’articolo con tutti i dettagli).

Novità che non sono state però recepite da tutti i saronnesi tanto che su strade e marciapiedi della frazione al confine con Rovello Porro e in centro da alcuni giorni ci sono sacchi di rifiuti non raccolti. A fare il punto della situazione è l’assessore all’Ambiente Roberto Barin:”Per informare i cittadini delle novità abbiamo realizzato un calendario e un opuscolo che doveva essere distribuito porta a porta ad ogni famiglia e attività commerciale. Dico doveva perchè in realtà ci sono arrivate segnalazioni che il materiale non sia stato consegnato in tutte le abitazioni. Da una prima stima potrebbero essere stati dimenticati interi condomini”.

Oggi in Municipio ci sarà un momento di confronto tra l’assessore e i diversi responsabili per capire cosa non abbia funzionato e come porre rimedio alla situazione: ”Fin d’ora invitiamo tutti i saronnesi che non hanno ricevuto il materiale a presentarsi in comune per ritirarlo e poi continueremo a fare informazione con diversi canali dal sito al Saronno Sette”.

Non ci saranno però multe per chi sbaglia a conferire i propri rifiuti: ”Ovviamente – conclude Barin – in questi primi giorni saremo un po’ elastici per dare tempo a chi non ha ricevuto il materiale o non si è accordo delle novità di abituarsi ma chiedo a tutti i saronnesi di prestare attenzione alle novità e di recepirle il più rapidamente possibile”.

8 Commenti

  1. Questi non hanno la minima idea su come informare le persone. E’ successo per i 30 all’ora, per i blocchi del traffico, ora per i rifiuti. Tre indizi fanno una prova: sono degli “incapaci incompetenti”, ma non poco eh! Proprio tanto tanto….

  2. io non ho ricevuto niente, ma forse il non comunicare fa parte della sbandierata partecipazione (e per la raccolta differenziata sarebbe il meno…vedi PGT, analisi acque, etc)

  3. @Anonymous: tu sei stato informato? Ben per te… io e tantissimi altri NO!! Non ho visto un manifesto, non ho visto un volantino…. sicuramente la colpa sarà stata mia che non mi sono informato!!! Ma daiiiii………….. e meno male che in Komune esiste un assessorato “Organizzazione, risorse umane, COMUNICAZIONE, relazioni esterne, servizi informatici e tempi della città”.. pensa se non esistesse!

  4. Bravo Anonymous, ben detto! Spiegateci voi le regole! Non permettetevi di disturbare il manovratore! In fondo sul sito internet del comune è spiegato benissimo ed è in bella evidenza….. MA PER FAVORE!!!!!!!!!!

  5. nel terzo millennio, era del web, del ‘social’, dello ‘smart’… già, come fare ad avvisare, Anonymous? -_-“”””””””
    oppure chiamare la stampa locale e rilasciare interviste; io l’ho saputo grazie a ilSaronno.
    tutto ‘a costo zero’.

    vero è che non ci si può basare solo su web e carta stampata: non raggiunge gli anziani… e a Saronno ce ne sono.
    sarebbero bastati i vecchi manifesti. e qualcosa va speso.

    qualcosa non ha funzionato, ma ci vuole lo stesso coraggio ad ammettere gli errori: in questo un bravo all’Assessore Barin.

  6. mi domando: ma se non arrivavano critiche e segnalazioni, avrebbero fatto finta di niente ? non si sarebbe accorto che qualcosa non aveva funzionato ? avrebbe dato la colpa ai cittadini distratti ? avrebbe dato anche delle multe ? Ma assessore (altro che coraggioso, direi faccia di bronzo) delle scuse alla cittadinanza in questi casi non si usano ? Le responsabilità sono di altri e a Lei nessuna ? Ma chi è assessore Lei o un’altra persona ? In un caso come questo direi che le dimissioni sarebbero state l’unico vero atto di coraggio possibile per l’assessore, quello che è successo è grave!

Comments are closed.