lorenzo guzzetti SARONNO – Lorenzo Guzzetti, sindaco di Uboldo risponde con una breve nota sul suo blog alle esternazioni del sindaco Luciano Porro in merito alla nuova vocazione commerciale dell’ex Lazzaroni. Se ieri il primo cittadino di Saronno ha lamentato di aver saputo dai giornali dei progetti uboldese, auspicando un coinvolgimento della città degli amaretti nel progetto, Guzzetti rilancia dichiarandosi stupito dalla superficialità delle dichirazioni di Porro “arrivate senza un’informazione precisa che avrebbe potuto avere chiamandomi”. Pur rimarcando l’importanza di un dialogo tra le due realtà confinanti Guzzetti non rinuncia a togliersi qualche sassolino dalla scarpa “personalmente non mi sono mai espresso su fantasiose iniziative saronnesi e auspicherei che lui facesse altrettanto nei confronti di Uboldo”.

Ecco il testo integrale pubblicato da Lorenzo Guzzetti sul suo sito www.ilorenzo.it

Leggo su diversi siti (e quindi nelle prossime ore lo avremo anche sulla carta stampata) che il Sindaco di Saronno stamane ha rilasciato qualche dichiarazione sul futuro dell’area ex-Lazzaroni.

Rimango alquanto stupito e perplesso.
Stupito perchè un amministratore esperto e navigato come il Dott. Luciano Porro dovrebbe saper distinguere tra “fare il PGT” e “fare un centro commerciale”. Nessuno, per ora, ha parlato di centri commerciali nè esistono progetti e quindi non capisco come il Sindaco di Saronno possa parlarne. Se lui sapesse cosa vuol dire “fare il PGT” saprebbe benissimo che quello che abbiamo fatto è l’elaborazione delle strategie. Strategie che tra l’altro erano già scritte in una delibera di giunta di parecchi mesi fa. Dire che una zona ha vocazione commerciale nel PGT significa dare tante possibilità, non necessariamente la realizzazione di un centro commerciale.

Mi stupisce altresì che il Sindaco di un paese come Saronno ignori che le sedi opportune dove Saronno potrà dire la sua c’erano e ci saranno e si chiamano Conferenze di Scoping, dove tutti gli enti interessati da un PGT saranno chiamati a dire la loro e fare le loro osservazioni.

Mi stupisce anche che il Sindaco di Saronno abbia fatto queste dichiarazioni senza nemmeno informarsi delle analisi e delle riflessioni che hanno portato il Comune di Uboldo a questa decisione.

Mi stupisce che il Sindaco di Saronno parta subito “all’attacco” senza nemmeno aver provato a chiamare il sottoscritto per un incontro: magari gli avremmo spiegato il grande lavoro sullo studio della viabilità che stiamo facendo, prevedendo con lo sgravio della realizzanda Varesina Bis un percorso ciclabile lungo la Via IV Novembre che da qualche tempo è a tutti gli effetti comunale e non più provinciale. Oltre al fatto che lo stesso Sindaco di Saronno mi dovrebbe spiegare se è meglio avere i tir e i camion o avere le macchine che creano (se lo creano) traffico…

Mi stupisce che il Sindaco di Saronno così attento alle dinamiche del mondo del lavoro non consideri, da amministratore oculato e politico navigato, quanti posti di lavoro potrebbe creare un possibile sviluppo commerciale di quell’area, che oggi offre lavoro a poche persone. E, attenzione all’italiano, “sviluppo commerciale” non è sinonimo di “centro commerciale”.

Mi stupisce, altresì, che un Sindaco così radicale nell’impegno di tutela dell’ambiente non faccia anzi un plauso a chi, senza consumare territorio, risistema aree dismesse per dare lavoro, creare occupazione, offrire un posto migliore dove vivere. Certo mi chiamo Guzzetti e non Finiguerra, ma se la politica è identica…

Non venendo certo a mancare la stima per Luciano Porro mi piacerebbe che tra noi sindaci (per giunta di comuni limitrofi) trovassimo un modo di collaborare più concreto, senza dover parlarci attraverso i giornali. Con dei suoi stimati e apprezzati predecessori c’era la buon usanza di trovarsi periodicamente con i sindaci del saronnese. Abitudine caduta, nostro malgrado, in disuso.

Personalmente non mi sono mai espresso sui 30 all’ora, sulle fantasiose domeniche a piedi fatte “per educare” e su altre questioni saronnesi sulle quali sicuramente qualche commento si sarebbe potuto fare. Anzi, su problematiche reali che esistono tra i nostri comuni ho sempre cercato di astenermi dalla polemica gratuita (leggasi, per esempio, Saronno Servizi).

Chiedo al Sindaco di Saronno che faccia altrettanto quando parla di Uboldo.

Abbia almeno l’umiltà di leggere e comprendere.
O almeno di informarsi prima di parlare.

Lorenzo

7 Commenti

  1. al di la del lunghissimo comunicato, in italiano cosa vuol dire area a vocazione commerciale?? la proprietà, che è unica, che progetti ha presentato??? aggiungo che è l’ora di smetterla di pensare di creare posti di lavoro, perchè se vado da A non vado certo anche da B a comperare (la somma dei posti di lavoro è 0, anzi…probabilmente è negativa- la storia l’insegna)

  2. Ma ha ragione il sindaco di Uboldo, ma non bastava incontrarsi e parlarne? NO se non si finisce sui giornali per far capire che (strano ma vero) Saronno un Sindaco lo ha, non va bene. MAI una proposta che parta da Saronno, abbiamo un PGT studiato da un uomo sotto processo e che non aggiunge NULLA a Saronno. Però siamo i primi a cercare lo scontro con i paesi vicini appena dicono qualcosa che vorrebbero fare (SUL LORO TERRITORIO)Solita figura insomma!!!

    • Sono perfettamente in linea con l’intervento del Sindaco di Uboldo , che ha dato spunti di profonda riflessione a Porro in merito a coerenza , pragmatismo, professionalità, correttezza., preparazione .. linearità….ma tutto sarà rinviato al mittente con ” Sto avviando un dialogo, un confronto…sto EDUCANDO i miei cittadini a … il dialogo ha sempre bisogno dei suoi tempi…” Se fosse sol questo ….

  3. IL VERO SINDACO A SARONNO E’ IL SIG. WU!!! Ahahahah!!!
    E’ LUI CHE DOVETE CONTATTARE
    VOGLIAMO IL SIG. WU COME SINDACO!!!

  4. Area a sviluppo commerciale = centro commerciale (da valutare le dimensioni in base all’area. Tante parole ma alla fine il senso è quello 😉 Vero che non si consuma territorio ma è altrettanto vero che la zona è satura, vedremo che tipo di area commerciale sarà sviluppata.

  5. Anch’ io voglio il signor WU, Saronno diventerà così la città della bicicletta, sana, pulita ed ecologica.

  6. beh…che non si consumi territorio è da vedere, perchè questa opera è collegata alla Varesina bis, che sicuramente non viaggia per aria

Comments are closed.