dario liotta SARONNO – La sezione saronnese di Sinistra Ecologia e Libertà annuncia l’intenzione di presentare un’interpellanza in consiglio comunale sulla presenza di Casa Pound domenica pomeriggio a Saronno.

L’annuncio arriva da Dario Liotta, portavoce Sel, in un commento su www.wordpress-426764-1358032.cloudwaysapps.com alla notizia del presenza domenica in corso Italia di un gazebo di Casa Pound e delle relative tensioni con gli anarchici e le anarchiche che fanno riferimento al centro sociale Telos.

La presa di posizione di Liotta è molto forte e chiara

“La questione dell’antifascismo non può e non deve essere tramutata in rissa. Casa Pound non deve esserci a Saronno come nel resto d’Italia perchè l’apologia del fascismo è vietata e la nostra Costituzione è antifascista.
“L’apologia del fascismo è un reato previsto dalla legge 20 giugno 1952, n. 645 (contenente “Norme di attuazione della XII disposizione transitoria e finale (comma primo) della Costituzione”), anche detta Legge Scelba, che all’art. 4 sancisce il reato commesso da chiunque «faccia propaganda per la costituzione di un’associazione, di un movimento o di un gruppo avente le caratteristiche e perseguente le finalità di riorganizzazione del disciolto partito fascista», oppure da chiunque «pubblicamente esalti esponenti, princìpi, fatti o metodi del fascismo, oppure le sue finalità antidemocratiche». E’ vietata perciò la ricostruzione del PNF e del Partito dei Nazionalsocialisti (ovvero quello Nazista). Ogni tipo di apologia è denunciabile con un arresto dai 18 mesi a 4 anni”

Proprio da queste considerazioni arriva la presa di posizione di Sinistra Ecologia e Libertà:”Faremo un’ interpellanza in Consiglio Comunale – conclude Liotta – su questa presenza e presenteremo una nostra istanza alle forze dell’ordine”.

20022013

7 Commenti

    • Concordo con Umberto. Qualsiasi forma di estremismo va allontanata indipendentemente dal colore politico di riferimento -destra o sinistra che sia . Anche Telos ha le sue responsabilità, una fra le tante le occupazioni abusive che sono uno schiaffo alla legalità.Concordo con S.N. in merito a Casa-Pound.
      Ho visto in altri interventi chi cambia il pelo ma non perde il vizio

      • A parte che di interpellanze comunali contro le occupazioni a Saronno ci son giàè state, mi volete comunque dire cosa c’entra tutto ciò con la presenze di forze politiche grossomodo autodichiaratisi fasciste (si dicono essere i fascisti del terzo millennio) sul suolo saronnese?
        Estremismo non significa nulla, è una parola che nasconde il nulla. Estremismo non è inoltre sinonimo di male, o bene, indica solo la presenza di una posizione radicale, ma non per questo sbagliata o giusta.
        Evidentemente a SEL non va che a Saronno si facciano propaganda partiti che si rifanno più o meno apertamente alla dittatura mussoliniana. E allora ne chiederà conto in comune. Non capisco che male c’è in tutto ciò; se non ci scandalizza perchè la Lega Nord si lamenta della banda di “accattoni” in giro per la città, allora però forse è lecito scandalizzarsi se a qualcunlo non va giù che si faccia propaganda fascista a Saronno.

  1. Par condicio? Ma cosa c’entra la par condicio, mica siamo in televisione…
    I Telos non mi sembra abbiano mai innegiato a mussolino o al fascismo.

  2. Proprio vero che in campagna elettorale ogni motivo è buono per farsi leggere….

  3. questi partiti residuati bellici della guerra civile 43-45 esistono solo grazie all’esistenza di movimenti come CasaPound…senza movimenti del genere non avrebbe un senso la loro esistenza. Da quando esiste questa testata online buona parte dei loro interventi sono stati per denunciare dei fantomatici pericoli fascisti….con tutti gli argomenti trattati su cui avrebbero potuto prendere posizione….stanno in guardia affinchè non si ritorni al ventennio ma non si accorgono che il loro fare politica è fermo poco oltre a livello temporale….mah…..

  4. La campagna lettorale non c’entra nulla, si informi: dopo due anni Casa Pound. è tornata a Saronno, da fuori.
    Forse ad altrii è sfuggito che localmente SEL fa parte di Sinistra Saronnese, avendo partecipato a quella tornata elettorale in questa coalizione, non esistendo ancora un circolo territoriale di SEL. Come Sinistra Saronnese siamo sempre intervenuti sulla stampa locale sui temi che ritenevamo più importanti: ultimo il PGT, documento amministrativo decisivo per il futuro della città. Anzi, siamo stati l’unica forza politica che ha espresso un documento articolato di critica ma propositivo sul PGT adottato.

Comments are closed.