torrente lura saronno (1)SARONNO – “La città dell’incuria e della sporcizia”: il consigliere comunale della Lega Nord, Raffaele Fagioli, ribattezza così Saronno.

“Lo sport preferito dei rappresentanti del Pd di qualsiasi livello appare “l’arrampicata sugli specchi, a mani nude – esordisce Fagioli – Non mi spiego come sia possibile affermare che Saronno non ha responsabilità nell‘inquinamento del torrente Lura. Basta andare a vedere con i propri occhi lo stato di degrado del Lura subito dopo i ghetto-bunker degli ex nomadi sinti, oggi saronnesi a tutti gli effetti, per diritti, ma forse non per doveri!”

Prosegue il consigliere:”Come mai questa Amministrazione di Centrosinistra non interviene anche nel campo zingari per abituare a effettuare la raccolta dei rifiuti e la raccolta differenziata? La sponda est del Lura vicino al campo zingari è inequivocabilmente deturpata dal lancio di qualsiasi genere di rifiuto. Non lo abbiamo scoperto noi, ma il presidente della commissione Lura, Alberto Paleardi, che ne ha parlato proprio in commissione. La sponda est a confine del campo ex-nomadi è in condizioni ambientali disastrose. Non può Paleardi negare oggi sulla stampa quel che ha affermato ieri in commissione. Non può accusare come sempre le istituzioni, guarda caso solo quelle governate dal centro-destra, di inadempienze dimenticando le responsabilità dell’Amministrazione che appoggia”.

Raffaele Fagioli

Per Fagioli “Saronno è diventata una vera e propria città dell’incuria e della sporcizia – Il sindaco e la sua Amministrazione, che dicono di aver tanto a cuore l’educazione dei cittadini saronnesi, con giornate a piedi per educare al non uso dell’auto, con il limite dei velocità dei 30 all’ora, con il decalogo per inquinare di meno, dovrebbero partire dalle basi fondamentali dell’educazione civica, Rifiuti di ogni tipo in tutta la città, muri deturpati da murales di cattivo gusto o scritte senza senso, deiezioni canine e sputi catarrosi ricoprono senza sosta i marciapiedi, e poi si vorrebbe che i cittadini li utilizzassero per camminare? Tutto ciò costrige a slalom improbabili e quasi certe suole delle scarpe contaminate da batteri e microbi insalubri”.

210213