luciano porro SARONNO – “Se la città di Saronno viene definita dell’ incuria e della sporcizia da qualche politico locale perché non chiedersi che se c’è sporcizia evidentemente è perché manca l’educazione civica”.

Il sindaco Luciano Porro replica al consigliere comunale leghista Raffaele Fagioli che definisce Saronno la città dell’incuria e della sporcizia prima di puntare il dito contro le discariche abusive sul Lura.

“Voglio precisare – spiega Porro – come ho fatto diverse volte che la prima causa della sporcizia e del degrado in città è la maleducazione dei cittadini. L’amministrazione interviene anche su questo fronte con campagna di sensibilizzazione e frequenti moniti nella speranza che tutti i cittadini inizino a considerare la città come casa propria. Il primo passo per vie, strade e marciapiedi e aree verdi puliti è “non sporcare”. Ovviamente è importante che gli addetti alle pulizie facciano bene il proprio lavoro e anche su questo fronte la vigilanza dell’Amministrazione non manca”.

21022013

6 Commenti

  1. Condivido la risposta del Siondaco: non devono essere i cittadini educati a pagare per la maleducazione di altri cittadini. Ho notato anche il notevole aumento di immagini dei loro padroni che i cani lasciano sui marciapiedi! Perchè anzichè reclamare con l?amministrazione Comunale non intervenire direttamente quando si VEDE qualcuno che sporca anche con scritte, manifesti o adesivi i muri, i cartelli strradali ed altro: in questo i simatizzanti della Lega sono sempre stati specialisti!

  2. Ma se abbiamo una città piena di scritte, con tanto di FIRMA di un determinato gruppo di cui si conoscono NOMI E FACCE e il Sindaco non fa nulla. Io a calci nel culo li farei pulire TUTTI I MURI a spese loro e li caccerei a casa dove, evidentemente, nessuno li ha mai presi a calci nel sedere. Questo esponente della Lega non lo conosco e neanche voglio conoscerlo ma le colpe l’Amministrazione le ha eccome!!! Ma questo paese è allo sfascio e ai più va bene così!!!

  3. Porto un esempio: vige un’ordinanza sindacale che prevede sanzioni per i padroni di cani che non raccolgono le deiezioni. Ebbene, come si tartassano gli automobilisti con contravvenzioni, mi domando perché non si ponga la stessa attenzione nei riguardi di questo che è anche un problema SANITARIO. E ricordiamo che il Sindaco è RESPONSABILE della salute dei propri concittadini.
    E’ chiaro che un articolo stampa non può essere un trattato esaustivo di un argomento.
    Chi EDUCA le persone? Genitori e scuola, in una ruota che gira senza fine, che porta a domandarsi se sia nato prima l’uovo o la gallina. Ovvero: genitori maleducati dai propri genitori e/o dalla scuola creano generazioni di maleducati. Che non rispettano né il prossimo, né il buon senso, né le leggi.

    • quello dei cani è un problema che non è solo di questa amministrazione, ma anche di quelle precedenti, che mi pare ricordare non si distinguessero neppure loro per mantenere la città pulita: il fatto è che i padroni dei cani approfittano dell’oscurità per far fare i bisogni ai loro amati, a orari (dopo le 19) in cui la Polizia Locale è a ranghi ridotti.Come al solito, basterebbe applicare la massima colpirne uno per educarne cento, ma siamo in Italia e ci sarebbe una sollevazione popolare

  4. Caro Signor Sindaco dott. Luciano Porro,
    1. la città è sporca;
    2. Lei afferma che la sporcizia è causa da cittadini maleducati;
    4. le recenti elezioni regionali e politiche hanno “regalato”, ahimè, una Saronno con il PD primo partito cittadino.

    La logica conclusione è che i cittadini, in maggioranza elettori del PD, sono maleducati.
    Quindi la colpa è del PD, come spesso le ricorda il collega Veronesi.

    Voglia, il signor Sindaco, cogliere in questa mia risposta una vena di sarcasmo ed ironia!

    Raffaele Fagioli
    consigliere comunale della
    Lega Nord Lega Lombarda per l’indipendenza della Padania

Comments are closed.