foto Lucio Bergamaschi2SARONNO – “La rimonta di Berlusconi a colpi di promesse mirabolanti non deve trarre in inganno. Il Pdl ha perso 6 milioni di voti a livello nazionale rispetto al 2008 e nella nostra città, in un passato non lontano roccaforte azzurra, si è dimezzato rispetto alle comunali del 2009. Occorre mettere mano ad una nuova Casa dei moderati su basi serie, saldamente europee, non populiste. I 3200 saronnesi che hanno votato Monti (quasi il 14 per cento degli elettori) sono una solida base da cui partire per questo lavoro fatto nell’esclusivo interesse del nostro Paese”: questo il commento a caldo di Lucio Bergamaschi, esponente saronnese dei Popolari per l’Europa, la nuova formazione promossa dal neo senatore Mario Mauro recentemente uscito dal Pdl per confluire nel Patto Civico di Monti.

“Faccio notare che il risultato di Monti a Saronno è superiore di circa oltre tre punti alla media nazionale e di quasi due rispetto alla media lombarda. Con gli amici di Unione italiana e del Udc occorre ora lavorare per costruire una presenza moderata e centrista nella nostra città visto che il Pdl nelle sue varie componenti e versioni ha miseramente fallito . I miei complimenti vanno al neo deputato saronnese Gianfranco Librandi che ha centrato l’obiettivo dell’elezione alla Camera dei deputati. Sono certo che saprà ben rappresentare il nostro territorio nell’aula di Montecitorio. Librandi a Roma come l’amica Lara Comi a Bruxelles rappresentano due risorse da tenere adeguatamente in considerazione da parte dell’Amministrazione e di tutte le forze politiche della città” conclude Bergamaschi.

270213

2 Commenti

  1. Mi scusi se mi permetto di rilevare quella che secondo il mio modesto parere sembra essere un’incongruenza nella Sua lineare analisi, Lei afferma che “Con gli amici di Unione italiana e dell’ Udc occorre ora lavorare per costruire una presenza moderata e centrista nella nostra città visto che il Pdl nelle sue varie componenti e versioni ha miseramente fallito” ma subito dopo sostiene che l’amica Lara Comi rappresenta una risorsa da tenere adeguatamente in considerazione da parte dell’amministrazione e di tutte le forze politiche della città…ma se non sbaglio l’Onorevole Comi oltre ad essere cittadina saronnese non è anche Coordinatore Provinciale del Pdl quindi quantomeno co-responsabile del fallimento elettorale?

Comments are closed.