Home Città Renoldi, Ascom:”Contrari al blocco del traffico. Da fare solo se necessario con...

Renoldi, Ascom:”Contrari al blocco del traffico. Da fare solo se necessario con più comunicazione e parcheggi”

39
11

antonio renoldiSARONNO – “Il fatto che domenica in centro ci fossero molte persone non è correlato alla domenica a piedi e soprattutto notare questo aspetto non significa che Ascom sia favorevole a questo genere d’inizitive”. E’ la precisazione che arriva da Antonio Renoldi presidente Ascom alle dichiarazioni del sindaco Luciano Porro che per ribadire il successo della giornata di sensibilizzazione citava proprio il parere del numero uno dell’associazione di categoria all’indomani delle proteste dei ristoratori e baristi del centro.

Ecco il testo integrale inviato in mattinata da Ascom

Abbiamo appreso dalla stampa il commento del sindaco Luciano Porro in merito alla questione delle domeniche senz’auto della scorsa domenica, per cui si chiama in causa il presiente Ascom, Antonio Renoldi.
Doveroso è qualche chiarimento in merito. Il presidente Antonio Renoldi è contrario al blocco totale del traffico (se non strettamente necessario) e giustifica le domeniche a piedi se correlate ad una corretta pianificazione ed efficiente comunicazione alla cittadinanza. La differenza la fa’ la correlazione: Domeniche a piedi con un evento all’interno della Ztl.
“E’ vero che domenica in centro a Saronno c’era una notevole affluenza di gente, probabilmente per l’evento programmato, ma non si può affermare che il blocco del traffico agevola il commercio locale” ribatte Antonio Renoldi, presidente di Confcommercio Ascom Saronno “Il blocco del traffico, se deve essere necessariamente attuato (si veda l’aumento di PM10), deve garantire due cose fondamentali: l’accesso ai parcheggi così da non penalizzare i consumatori ed in secondo luogo è indispensabile comunicare con congruo anticipo il blocco stesso, così da non comportare disagi agli esercenti” e prosegue ancora “Resta comunque ferma la nostra opinione per cui il blocco del traffico genera confusione e un probabile calo delle vendite”.
Lo confermano le testimonianze di alcuni passanti che frequentano la piazza di Saronno: “blocco del traffico” è sinonimo di “non accessibilità totale” al centro.
Sta’, quindi, a chi di dovere, coordinare e pianificare in modo coscienzioso questi blocchi, anche con il fine di agevolare il commercio locale. “A questo proposito lancio qualche spunto di riflessione all’Amministrazione comunale: rendere fruibile il parcheggio di piazza Unità d’Italia e soprattutto chiamare le cose come sono, “domeniche a piedi” e non “blocco del traffico”. Questo porta demotivazione fra la gente a quindi un allontanamento dalla Ztl di Saronno”.
Prosegue Antonio Renoldi: “Di fatto, non tutti i passanti sono certi clienti del nostro negozio e forse, in alcune circostanze, la passeggiata salutare che suggerisce il primo cittadino, potrebbe essere superata in virtù della crisi economica che caratterizza questi tempi. L’economia non gira più come una volta. Al giorno d’oggi bisogna creare attrattive nella Ztl per creare un valore aggiunto alla città”.
In merito alla polemiche avanzata da alcuni pubblici esercizi, Renoldi afferma: “Comprendo bene la reazione che questi commercianti hanno avuto, ma forse, sarebbe stato più utile informare l’Associazione di categoria per concordare e agire insieme”.
Infine, rivolgendosi al Sig. Sindaco, afferma: “Facciamo bene attenzione al fatto che: se domenica in Saronno c’era gente non è correlato ne all’efficacia del blocco del traffico ne tantomeno significa che Ascom sia favorevole a questo tipo di iniziative!”.

11 Commenti

  1. beh, cosa aspettano a creare attrattive??? Renoldi sta dicendo che il Comune deve creare attrattive per aumentare il commercio?? se è così, forse non abbiamo capito il ruolo di un comune …e ai parcheggi bene o male si arrivava.

  2. a me tutta la vicenda sembra surreale.
    condivido appieno l’analisi di Renoldi (domeniche a piedi è diverso da blocco del traffico: serve far capire ciò) e serve mettere in atto intrattenimenti (lo stile ‘notte bianc’round (attrazione, ristorante o chi per esso mette fuori un ‘chios’em a prezzi accessibili) potrebbe funzionare?) non solo nelle ‘domeniche a pie’twere, ma magari in una domenica (esempio quando già ci sono le bancarelle nella ztl…) oppure in un giorno di festa.

    ciò che mi appare surreale sono il fatto che da parte dell’Amministrazione non si sia ancora compreso quanto detto da Renoldi e le dichiarazioni del Sindaco… celermente smentite dal diretto interessato ^^” forse un ’bout più prudenza nel fare dichiarazioni gioverebbe.

  3. Grazie signor Renoldi, meno male c’è ancora gente che ragiona ed esprime un analisi dettagliata. Vi è una notevole differenza fra chi le cose le vive sulla sua pelle e chi solo le giudica in modo sommario e presuntuoso.

  4. Renoldi sindaco subito. Un artigiano. …e poi una domanda che forse c’entra poco: non sarebbe + giusto che i lavori che il comune demanda non vengano realizzati all’interno di ditte e negozi operanti in Saronno, magari in cambio di sponsorizzazioni o altro per creare eventi ridando vigore al’economia locale e un po di smalto alla città.

  5. Renoldi ha fatto un commento più che giusto. L’amministrazione comunale dovrebbe mettere più attenzione alle nostre esigenze….e dovrebbe togliersi le fette di salame davanti agli occhi!

  6. Porro:”La domenica a piedi è stata un successo, l’ha detto anche Renoldi, presidente Ascom”

    AHAHAHAHAHAH, PORRO ORMAI NON SA PIU’ COSA DICE!!! A C A S A !!!

  7. Vorrei tanto sapere,quanto ha investito
    questa amministrazione per rivalutare il centro,
    ma soprattutto quanto investirà in futuro visto il
    successo di Domenica.
    Come al solito tante parole(per non dire balle)
    ma niente di fatto.
    Bravo Renoldi era ora.

  8. Questa e’ l’ultima dimostrazione di quanto
    Porrò collabora con Ascom.
    Che figuraccia,fossi in lui organizzerei una serie
    di domeniche di blocco.Ahahah

  9. io sto cercando di ricordare quanto le precedenti amministrazioni avessero fatto per far rivivere il centro, ma proprio non ci riesco 🙂 anzi mi sembra che l’unica proposta era di riaprire corso Italia al traffico.Ma un po della mitica iniziativa privata??

  10. Ennesima dimostrazione di un sindaco che parla ma non ha la minima idea di ciò che dice .

  11. Sono contrario ai blocchi del traffico.
    Sono favorevole alle ZTL e ai parcheggi gratuiti o a basso costo in corrispondenza (tipo l’autosilo ma a costi progressivamente ridotti per le soste lunghe).
    Tutto il resto o è demagogia o è vessazione del cittadino.

Comments are closed.