Luciano Porro (3)SARONNO – Il sindaco Luciano Porro e l’assessore alla Sicurezza Giuseppe Nigro hanno partecipato lunedì pomeriggio ad un incontro con il prefetto di Varese Giorgio Zanzi per fare il punto sulla situazione della sicurezza in città. “Per motivi di riservatezza non posso dire i contenuti dell’incontro – ha spiegato il primo cittadino – ma posso dire che sono stati affrontati tutti i temi a partire dall’aumento dei furti in città e allo spaccio in stazione“.

Tra le questioni affrontate anche quella delle truffe ai danni degli anziani: “E’ un tema che ci sta molto a cuore basti pensare all’incontro organizzato dall’Amministrazione comunale in collaborazione con il capitano dei carabinieri Giuseppe Regina l’anno scorso per aiutare gli anziani a difendersi il nostro invito è sempre lo stesso non aprire a nessuno e nel caso di dubbio contattate le forze dell’ordine a partire dalla polizia locale”. 

L’incontro è anche stata l’occasione per fare il punto sulle iniziative che l’Amministrazione comunale ha intenzione di portare avanti:”Pensiamo ad un potenzialmento del controllo di vicinato, che è in vigore dall’estate scorsa alla Cassina ferrara estendendolo in altri quartiere e anche ad un aumento della videosorveglianza un progetto è in fase di studio e speriamo di riuscire a trovare i fondi necessari”.

Non mancano idee studiate ad hoc per i commercianti “come ad esempio il potenziamento del pulsante collegato alle forze dell’ordine con una piccola telecamera”.

19032013

2 Commenti

  1. E quando il Signor Sindaco avrà intenzione di fare qualcosa anche per Piazzale Saragat ovvero il parcheggio vicino all’ospedale che versa da anni in un ben noto stato di totale incuria, sporcizia e massima illegalità, sia di giorno che di notte?

  2. io abito proprio nei palazzi che si affacciano su p.za saragat: dopo l’iniziale prova di ‘impegno’ (quella che è poi sfociata nel servizio su ‘le Iene’ con quella difesa esressa dall’Assessore sull’operato degli Agenti di Polizia Locale con ‘non usano francesismi’… tutto ovviamente andato in onda) e un giro dei parcheggi (ora tutto a pagamento)… bene, è cambiato NULLA. Non esistono più controlli e chi stava accampato prima lo resta anche oggi.
    l’importante, però, è stato dire ‘tutto tranquillo’ e farsi scattare foto (davanti l’ingresso dei palazzi) per comprovare come fosse ‘tutto tranquillo’.
    spero che, ora, si riesca almeno a cercare soluzioni usando come punto di partenza il fatto che a Saronno non c’è grande senso di sicurezza. tutto senza trincerarsi dietro fallaci ‘tutto tranquillo’ al fine di non dar ragione, magari, a qualche schieramento politico ‘opposto’.

Comments are closed.